Cultura e SocietàIntrattenimento

Scavare fossati – Nutrire coccodrilli: arriva al Maxxi la mostra su Zerocalcare

Dal 10 novembre 2018 al 10 marzo 2019, Zerocalcare sbarca al MAXXI di Roma con una mostra dal titolo Zerocalcare. Scavare fossati – Nutrire coccodrilli, prima esposizione personale dedicata al fumettista romano.

La mostra

Zerocalcare è diventato uno dei nomi più famosi del panorama fumettistico italiano. Partendo dalle locandine per centri sociali e concerti punk, passando per le colonne del blog, ha cominciato a conquistare anche il pubblico delle librerie nel 2011 con la pubblicazione di una delle sue opere più famose: La profezia dell’armadillo.  Adesso, con alle spalle altre 7 pubblicazioni, un film basato sul suo primo fumetto e orde di lettori disposti a far ore di fila per ricevere un “disegnetto”, la mostra del Maxxi è pronta a farci immergere, in dettaglio, nei 18 anni di storia del fumettista di Rebibbia. Per farlo, l’esposizione è stata divisa in 4 nuclei tematici, o 3 e mezzo come ha affermato il fumettista stesso, che per mezzo di tavole inedite, e dei grandi classici, permetteranno di sbirciare negli anni di vita del fumettista.

Il primo capitolo espositivo sarà quello del Pop, che mostrerà quella parte dei lavori di Zero più conosciuta dal pubblico, quella di libri e blog. Seguiranno poi i nuclei di Lotte e Resistenze e di Non-Reportage. Il primo sarà principalmente legato a lavori più collettivi come poster e autoproduzioni per centri sociali (e non). Il secondo racchiuderà i lavori che “cercano di raccontare qualcosa come quando mi trovavo a fare un viaggio come quello di Kobane o magari il G8 di Genova” come Zerocalcare stesso li ha definiti. Infine ci sarà il tema della Tribù che attraverserà un po’ tutte le sezioni precedenti e racchiuderà tutto ciò che è legato al mondo del punk, come locandine dei concerti e copertine di dischi.

Un nuovo gioiellino

In occasione della mostra verrà pubblicato il catalogo che raccoglie l’essenza della mostra stessa. A cura di BAO, il volume sarà nello stesso formato cartonato di Macerie Prime e conterrà 4 storie inedite. Saranno anche presenti testi critici a cura di Claudio Calia, Francesca Romana Elisei, Oscar Glioti e Loredana Lipperini e centinaia di disegni rari o mai visti prima. Il volume verrà venduto nello shop del museo a partire dal 10 novembre 2018, ma sarà disponibile anche in tutte le librerie e fumetterie dal 22 di novembre.

Insomma, noi non vediamo l’ora di farci un salto. Voi che ne pensate, passerete a dare un’occhiata?

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker