Alan Moore

Alan Moore spiega perché non tornerà ai fumetti
Il famoso scrittore ribadisce una decisione presa di recente

1 min


In una rara ed ampia intervista, lo scrittore Alan Moore ha dichiarato ancora una volta il suo forte disinteresse a tornare ai fumetti. Durante la conversazione con Deadline, Moore ha parlato di diversi argomenti, dal suo nuovo film The Show ai suoi pensieri sui film di supereroi. Ma i fan di Moore e del suo lavoro nei fumetti, tra cui Watchmen, V for Vendetta e Batman: The Killing Joke, saranno probabilmente delusi nell’apprendere che il famoso scrittore continua ad affermare di non avere intenzione di tornare a lavorare in questo mondo. Moore, che ha vinto quasi due dozzine di premi Eisner durante la sua carriera di fumetti di quattro decenni, ha affermato che il pubblico di destinazione delle società di fumetti è cambiato notevolmente durante il suo mandato, e non in meglio.

Alan Moore spiega il perchè della sua decisione

Nell’intervista,  Alan Moore ha detto di essere stato inizialmente attratto dall’industria perché “era un mezzo volgare“, uno che era “creato per intrattenere la classe lavoratrice, in particolare i bambini“. Ora, lo scrittore crede che l’industria stia prendendo di mira la classe media con romanzi grafici a un prezzo superiore ai mezzi della classe operaia. Un altro motivo della sua insoddisfazione per l’attuale industria dei fumetti è l’età demografica. Moore ritiene che il target per i fumetti, riguardo l’età, sia cambiato, con i lettori adulti che sostituiscono il pubblico pre-adolescente. Tuttavia, ammette che il cambiamento nei gruppi di età è dovuto al suo lavoro e al modo in cui l’industria ha promosso i fumetti per “adulti”.

Facevo fumetti da circa 40 anni quando alla fine sono andato in pensione. Quando sono entrato nell’industria dei fumetti, la grande attrazione era che si trattava di un mezzo volgare, creato per intrattenere la classe operaia, in particolare i bambini. Il modo in cui l’industria è cambiata, ora sono i romanzi grafici, è interamente valutato per un pubblico di persone della classe media”, ha spiegato Alan Moore. “Non ho nulla contro le persone della classe media, ma non era pensato per essere un mezzo per hobbisti di mezza età. Era pensato per essere un mezzo per persone che non avevano molti soldi”. Sebbene Moore abbia dichiarato il suo ritiro permanente dai fumetti, ha detto a Deadline che ha diversi progetti di scrittura in lavorazione, tra cui un libro magico, un’opera, racconti e una serie televisiva spin-off di The Show.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link