FeaturedIntrattenimento

Alita – Angelo della battaglia: finalmente ad Iron City | Recensione

Il grande progetto di James Cameron e Robert Rodriguez arriva nelle sale. Ecco cosa ne pensiamo...

Tra i tanti progetti (raccolti anche in una pagina apposita su Wikipedia) coltivati a lungo da James CameronAlita – Angelo della battaglia, di cui parleremo in questa recensione, occupa sicuramente un posto speciale. L’adattamento cinematografico del manga di Yukito Kishiro è nella mente del regista di Titanic sin dai primi 2000, ma altri impegni e varie difficoltà produttive ne hanno rallentato lo sviluppo per lungo tempo.

Qualche anno fa Cameron ha quindi deciso di farsi da parte e affidarlo a Robert Rodriguez in cui ha ritrovato una condivisione, ma anche complementarietà, di intenti. E così, piano piano il progetto è diventato sempre più concreto, fino al suo debutto nelle sale oggi. Com’è andata? Ne è valsa la pena di attendere così tanto? Vediamolo subito nella nostra recensione di Alita – Angelo della battaglia.

Di cosa parla Alita – Angelo della battaglia?

alita angelo della battaglia cameron rodriguez film recensione

Come ci ricorda il logo della 26th Century Fox in apertura, siamo in un lontano futuro, dove i cyborg sono comuni. Iron City è una città nata alla base della ricca città sospesa Zalem, costruita con i rifiuti di quest’ultima. Proprio in una discarica il dottor Dyson Ido ritrova il nucleo di una cyborg, che decide di riparare e di battezzare Alita.

Risvegliatasi senza memoria, la ragazza deve fare i conti con un mistero riguardante un assassino di androidi, avviluppato in un grande complotto. Passo dopo passo, Alita ritroverà parte della sua memoria, scoprendo la verità sul suo passato e, al contempo, sviluppando una relazione molto stretta con Hugo, un ragazzo con il sogno di vivere nella città sospesa di Zalem.

La storia raccontata da Alita – Angelo della battaglia è più complessa di quanto si possa immaginare. È assolutamente affascinante scoprire sempre di più su Iron City e in generale il futuro fantascientifico in cui è ambientata. Un buon lavoro di world building, che ci spinge a voler conoscere ulteriori dettagli sugli eventi che hanno preceduto quelli della pellicola. Non è tutto perfetto, però.

La sceneggiatura è decisamente il punto debole del film. La trama non è fluida come potrebbe sembrare e alcuni dei personaggi sono caratterizzati in maniera piuttosto semplice e non sempre efficace. In particolare sono problematici i dialoghi, troppo spesso scontati e pieni di esposizione pura. Tutto questo però si può perdonare assolutamente nel complesso.

Gli occhi spalancati di Alita e degli spettatori

alita angelo della battaglia cameron rodriguez film recensione

Già, perché Alita – Angelo della battaglia è davvero uno spettacolo cinematografico incredibile. La città di Iron City, nelle sue tante sfaccettature e location è davvero eccezionale e variegata e offre tante prospettive diverse e interessanti. Non ci si stanca mai di vedere nuovi posti, scoprendo ogni volta qualcosa di più sulla vita precedente della protagonista.

Che questo film sarebbe stato una vera e propria gioia per gli occhi lo avevamo già ipotizzato tempo fa, quando abbiamo avuto la possibilità di visionare alcune sequenze in anteprima. I nostri sospetti sono stati assolutamente confermati e addirittura superati. Lo sguardo dello spettatore viene assolutamente catturato da quello che accade sullo schermo, soprattutto nelle scene d’azione.

Dai combattimenti nei bassifondi di Iron City alle emozionanti battaglie sui pattini durante il Motorball (lo sport praticato dagli abitanti della città), sono davvero moltissime le sequenze che ci hanno emozionato. Robert Rodriguez si lancia in inquadrature ardite, che riescono a fondere alla perfezione il suo stile con quello del produttore ed ex-papà del progetto James Cameron.

La mano di quest’ultimo si nota soprattutto nella qualità della tridimensionalità. All’anteprima abbiamo avuto la possibilità di apprezzare il 3D di questo film, realizzato con grande cura come ci si aspetta dall’autore che ha reinventato questa tecnologia con il suo Avatar.

Pareri finali

alita angelo della battaglia cameron rodriguez film recensione

Nonostante alcuni aspetti migliorabili, soprattutto per quanto riguarda la narrazione, Alita – Angelo della battaglia è un prodotto assolutamente soddisfacente. Questo risultato è dovuto in gran parte alla qualità visiva del progetto, assolutamente di altissimo livello. Il rinvio dell’uscita nelle sale, originariamente fissata per luglio e poi dicembre 2018, è valso sicuramente la pena se questo è il risultato.

A questo punto, noi aspettiamo con grande ansia il probabile sequel per poter tornare a combattere al fianco di Alita.

Tags

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

2 Commenti

  1. Visto al day one. Da fan ormai venticinquennale del manga non ho potuto non notare una notevole diluizione dei toni drammatici,del livello di gore e violenza e soprattutto delle profonde tematiche esistenziali che l’opera originaria dispensa a piene mani. Ma allo stesso tempo sono rimasto incantato dalla capacità dei produttori di ricreare non solo un mondo coerente e.ricco di particolari(benché, ancora,molto meno dark dell’originale), ma anche di dare sufficiente profondità alla sceneggiatura che nonostante un tourbillon di situazioni e personaggi rimane organico, giustamente focalizzato sulla protagonista e incredibilmente fedele al lavoro di Miura…
    E poi c’è LEI ,la protagonista… l’ho letteralmente adorata da giovane e mi sento di dire che la splendida interpretazione di Rosa Salazaar e il lavoro della Weta danno vita al MIGLIOR personaggio tratto da un fumetto(e intendo qualsiasi fumetto,non solo JAP,americani compresi) che si sia mai visto sullo schermo. Un misto di delicatezza e sfrontatezza, infantile spontaneità e inflessibile determinazione,fragilità e furia devastatrice….un personaggio che gli spettatori difficilmente potranno non amare e dal quale è difficile non sentirsi ispirati. Da un punto di vista puramente visivo e cinematico il film è una vera orgia per gli occhi. Dalle incredibili inquadrature delle due città alle velocissime e cruente corse del Motorball,tutto è ricreato in maniera fotorealistica,con un frame rate impeccabile ed una eccellente pulizia. Menzioni speciali per le fasi action e soprattutto per combattimenti che sono imho quanto di meglio si sia mai visto in un film action.
    I punti deboli del film sono parecchi dialoghi parecchio scontati ed un interpretazione del personaggio di Hugo davvero anonima e senz’anima alla Twilight. Non considero una pecca il finale apertissimo visto che gli eventi narrati nel film rappresentano a malapena i primi 3 volumi della prima parte dell’epopea di Alita, un opera titanica che prosegue ancora oggi.
    In definitiva a mio avviso la miglior trasposizione da un manga di SEMPRE,un ottimo film di per se'(nonostante la spada di Damocle del Peg13) ed una protagonista che sarà difficile non portare nel cuore…8,5su 10 per me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker