1467277757-programmitv(4)_0

Altri 5 programmi tv italiani di qualità, ma sospesi

2 min


Dopo la nostra prima, nostalgica, classifica (che potete trovare qui)  ci siamo detti: ma di programmi tv degni che sono stati chiusi ce ne sono ancora. 
Format cancellati, spostati, oppure terminati e mai rinnovati, bassi ascolti, censura o semplicemente "hanno fatto il loro tempo" ce ne sono sicuramente ancora oltre quei cinque. 
Programmi simbolo di una qualità che è possibile sulla tv italiana, una qualità che magari si è spostata su canali minori, tematici ma che difficilmente troviamo sui sette canali più famosi e quelli più visti.
Ecco la nostra seconda personale classifica dei cinque format che, a nostro avviso, rendevano la TV un posto migliore, più libero e acculturato, e non importa se l'idea non era italiana, sono format che sono stati dimenticati in funzione di qualcosa di più altisonante ma meno utile.
{Game Boat – 1996 -1998 } Condotto dal doppiatore Pietro Ubaldi e da Cristina D'Avena Game Boat è in questa lista a rappresentanza di tutti i contenitori dei cartoon che ormai sono praticamente scomparsi, da Ciao Ciao, a Amici Mostri passando per Bim Bum Bam. Game Boat accompagnava i bambini in un magico sottomarino pieno di giochi e cartoni animati: Sailor Moon, i Puffi e molti altri. La tv attuale sente la mancanza di personalità forti per i bambini.
{Odissea di Beppe Recchia – 1991} A metà tra il programma tv e la fiction questa Odissea versione Musical (creato storpiando le canzoni Italiane più famose) riunisce nel cast personalità della televisione italiana d'epoca, come Andrea Roncato, Gerry Scotty, Oppini e perfino Moana Pozzi.
L'Odissea è in questa lista a rappresentanza di un'epoca dove i personaggi italiani venivano presentati al pubblico come amici, come una squadra e perfino una famiglia (Ricordate la Buona Domenica di una volta? O il Quizzone?) . Sensazione molto utile al pubblico per non demonizzare il mezzo, espediente usato fin dai tempi del carosello e che ora manca totalmente.
{Il Delitto è Servito - 1992} Ideato da Maurizio Micheli (Allegro non Troppo) e presentato dallo stesso, è un format in stile quiz unico nel suo genere, costruito sulla base di cluedo e mandato in onda in tarda serata dove un gruppo di concorrenti, in base a degli interrogatori a degli attori, dovevano risolvere un omicidio. Un programma dove deduzione, intelligenza e attenzione ai dettagli la facevano da padrone, ma in particolare le argomentazioni, ora impossibili da trovare nei format di genere. 
{Target - 1993 - 2000}  Rotocalco Televisivo di seconda serata ha imposto la regia e il metro espositivo degli anni 2000, condotto dalla sorridente Gaia De Laurentis era utilissimo nei primi momenti di diffusone della rete per fare luce sulle stranezze e le tendenze del mondo. Sospeso dopo anni e dopo che il suo modus operandi è stato istituzionalizzato in alre trasmissioni per riportare contenuti più scialbi, ha dato vita a Ciro. Il figlio di Target, contenitore Comico che ha influenzato una generazione.
{Zeus: Le Gesta degli Dei e degli Eroi – 1991} Pura divulgazione epica e storica nello stile di Luciano De Crescenzo, un format che narrava le grandi gesta mitologiche con passione e un registro lessicale e espositivo assolutamente accessibile ad ogni tipo di target. Ideato dallo stesso scrittore uscì anche in VHS insieme a volumi che ampliavano le tematiche trattate. Mai rinnovato, ma mai dimenticato. Memorabile la sua descrizione della ciurma di Argo come una formazione di calcio.

Like it? Share with your friends!

2 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Mah.
    Come tutti sappiamo, i diritti di utilizzo degli x-men e in generale della specie mutante sono di proprietà della Fox, che di certo non li mollerà presto (e continuerà a sfornare film di qualità mediocre che più avanzano più degenerano).
    Ciò comporta che Scarlet e Quicksilver non saranno ne mutanti ne figli di Magneto…e sarà necessario inventarsi qualche parruccata per infilarli a forza nella pellicola Marvel.
    E questo mi da una brutta, bruttissima sensazione :/

  2. Zeus è stato un capolavoro,mi ha insegnato molto più questo programma dei miei insegnanti.

    Invece la scelta di mettere Game Boat invece che Bim Bum Bam come rappresentante dei programmi contenitore per bambini la trovo molto opinabile

danieledacco

        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link