antichi giochi da tavolo

I giochi da tavolo dell’antichità
Rimarrete stupiti nello scoprire che i giochi da tavolo esistevano già secoli fa

5 min


Scavando tra i reperti archeologici abbiamo trovato antichi giochi da tavolo! In certi casi è successo davvero così: archeologi hanno trovato scatole di legno, tavolette, segnalini… Gli antenati di tabelloni, mazzi di carte, meeples… E molto altro! Talvolta questi antichi giochi da tavolo sono sopravvissuti fino ai giorni nostri, diventati famosi e diffusi in tutto il mondo. Pensiamo a dama e scacchi, giochi a cui abbiamo giocato tutti almeno una volta nella vita! La dama in origine si chiamava alquerque, gioco nato non più tardi del secolo XV a.C.. Gli scacchi sembrano aver origine in India del sud, nell’impero Gupta. Siamo nel VI secolo e derivano da un gioco chiamato chaturanga. Da questa versione si sono poi sviluppati in varie varianti, in oriente (cinesi, giapponesi,…), nella zona arabica (persiani, arabi) ed in Europa.

Antichi giochi da tavolo egiziani: il Senet

antichi giochi da tavoloIl Senet è considerato il più antico gioco da tavolo di cui si abbiano notizie. Nasceva nell’Antico Egitto ed è stato ritrovato in diverse esplorazioni archeologiche nelle tombe risalenti al Medio e Nuovo Regno. Questo gioco viene datato come nato nel 3300 a.C. ed il nome deriva dalla parola egiziana “passaggio”. Il gioco nasceva come gioco di sfida riservato alla classe sociale dei Faraoni. Intorno al 1500 a.C. si diffuse a tutto il popolo ed iniziò ad assumere un significato religioso. Si diffuse la credenza che le sorti dopo la morte del giocatore dipendessero dal risultato di una partita a Senet contro il destino. Questo spiegherebbe la presenza di molti tavoli da gioco in legno nelle piramidi (anche in quella di Tutankhamon), e le immagini di partite a Senet nei geroglifici.

Le regole di Senet purtroppo sono andate perse nei secoli. Ci sono arrivati regolamenti frammentati e contraddittori. Si è tentato diverse volte di ricreare il funzionamento di questo gioco, arrivando a diverse varianti moderne.

Senet è per due giocatori, e richiede una scacchiera di 3 file da 10 caselle, dove ognuno posiziona le proprie pedine, 7 bianche per un giocatore e 7 nere per l’altro. Serve inoltre un dado per realizzare il punteggio per gli spostamenti delle pedine. Lo scopo è far uscire tutte le proprie pedine dalla scacchiera.

2500 a.C.: il Go

Lasciamo il Mediterraneo ed andiamo in Cina, dove troviamo il Go, un gioco nato intorno al 2500 a.C. ed arrivato fino in Europa e fino ai giorni nostri. Un gioco per due giocatori, con regole semplici ma strategia complessa. I giocatori a turno posizionano una propria pedina, detta pietra, nelle intersezioni del goban, ovvero della plancia di gioco. Il goban è formato da una griglia 19 x 19, anche se esistono goban più piccoli per principianti.

L’obiettivo del gioco è controllare una superficie del goban più ampia di quella controllata dall’avversario. In turno ogni giocatore piazzerà la propria pedina in modo che non possa essere catturata ed in modo da controllare un’area che non possa essere invasa dall’avversario. Le regole del Go sono uguali dalla sua nascita, quindi se il Senet è il gioco più antico di cui abbiamo notizie, il Go è il gioco più antico ad oggi praticato.

Il Go esiste oggi in formato fisico, con goban di legno e pietre di plastica, ma anche in formato online e su app per telefono. Inoltre è un gioco sul quale sono nati molti detti, che richiamano le regole del gioco e che possono essere intesi come piccole lezioni di vita. Ad esempio: “Una giocata non è mai buona o cattiva, è il modo in cui ci si serve di quella pietra che è buono o cattivo”. Per chi fosse interessato a conoscere il Go, esiste la Federazione Italiana Gioco del Go, che organizza tornei e che offre sul proprio sito il regolamento del gioco.

Antichi giochi da tavolo mesopotamici: Il Gioco Reale di Ur

Restiamo nello stesso periodo, ma cambiamo luogo. Andiamo in Mesopotamia, nel golfo Persico, vicino alla foce tra Tigri ed Eufrate. Qui troviamo i resti della città di Ur, nelle cui tombe reali sono state trovate delle tavole da gioco che hanno preso il nome di Gioco Reale di Ur. Viene considerato tra i più antichi reperti completi di un gioco da tavolo.

Antichi giochi da tavoloLa tavola per giocare è un rettangolo di 8 x 3 caselle, dove mancano due caselle esterne da ciascuno dei due lati lunghi. Pur variando nella decorazione, tutte hanno 5 caselle decorate con una rosetta nelle stessa posizione. Le tavole sono cave, con un cassetto dove riporre le pedine del gioco. Ci sono 7 pedine per giocatore e 6 dadi tetraedrici, praticamente dei d4 (per chi gioca a D&D). Ogni punta dei dadi era arrotondata, con due delle quattro punte segnate. Se lanciando il dado la punta rivolta verso l’alto era una di queste due, il risultato del tiro era positivo.

Nei ritrovamenti, sparsi per tutto il Medio Oriente, non venne mai trovato il regolamento. Ci si è basati allora sulla componentistica. La ricostruzione più verosimile è quella di Irving Finkel, curatore del British Museum. Si tratterebbe di un gioco di percorso e d’azzardo, dove i giocatori devono entrare da una casella e percorrere la tavola di gioco fino all’uscita. Ci si muove di un numero di caselle determinato da un lancio dei dadi. Se si termina su una casella occupata da un avversario, la sua pedina deve ripartire dall’inizio. Se si attraversa una delle caselle con la rosetta, bisogna pagare una posta alla cassa. Se vi si termina il turno si ritira una posta dalla cassa, ed il pezzo è immune dall’essere spostato all’inizio se l’avversario ci finisce sopra.

Ludus Duodecim Scriptorum

Andiamo nell’Antica Roma, dove troviamo diverse tabulae lusoriae (tabelloni di gioco). Si tratta di tavoli di marmo creati scavando ed incidendo la parte superiore, formando quindi una specie di tabellone. Il nome del gioco, Ludus Duodecim Scriptorum, significa gioco delle dodici scritte. Questo richiama il tabellone, dove erano incise delle linee o delle lettere che formavano frasi.

In qAntichi giochi da tavolouesto gioco per 2 giocatori erano necessarie 12 pedine, 6 bianche e 6 nere, e 2 dadi, oppure 30 pedine, 15 per colore, e 3 dadi. Si inizia tirando i dadi, e chi fa il punteggio più alto è il primo giocatore. Si possono sommare i punteggi dei due dadi per muovere una pedina, oppure utilizzare il punteggio di un dado per muovere una pedina il punteggio del secondo per muovere la seconda.

Le pedine iniziano tutte fuori dal tabellone, ed una volta tirati i dadi si può scegliere tra diverse mosse. Si può spostare una pedina in una casetta sul bordo d’entrata corrispondente al risultato sommato dei due dadi. Oppure si può mettere una pedina nella casella d’ingresso con il valore di un dado, ed una seconda sul valore corrispondente al secondo dado (ed una terza corrispondente al valore del terzo dado, se si usano tre dadi). Oppure si può posizionare una pedina su una casella di ingresso corrispondente al valore di un dado, poi spostare quella pedina o una pedina già sul tabellone su una casella con il valore del secondo dado. Si continuano questi spostamenti a turno, e vince chi arriva per primo all’ultima casella.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alessio Riccardi

Amante di giochi da tavolo, giocatore di Magic della prima ora, divoratore compulsivo di mostre. Se c'è un gioco da tavolo nelle sue vicinanze, probabilmente vi inviterà a fare una partita insieme!
        




      
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link