Vi è mai capitato che un vostro amico vi dicesse “Mi consigli un gioco? Piacevole ma non troppo difficile…”?
Beh a noi sì e negli ultimi anni uno dei giochi più spesso scelti è stato AZUL.
Uscito nel 2017, ha vinto premi in Francia, Germania, Olanda, Inghilterra,… Oltre al famoso “Spiel Des Jahres” nel 2018, il premio che designa di fatto il “miglior gioco dell’anno”.
Insomma, un gioco certamente da provare e che ha lasciato soddisfatte molte persone, senza tuttavia essere lungo o difficile da giocare.

Azul: l’origine del nome

Il nome “Azul” deriva dall’Azulejo, un tipico ornamento dell’architettura portoghese. Si tratta di una piastrella quadrata di circa 12 cm di lato, spesso decorata e colorata. Questo particolare tipo di decorazione è nato nel sud della Spagna, dove durante la presenza araba si diffuse l’usanza di creare lastre di argilla decorate e smaltate al fine di abbellire pavimenti e pareti.
L’obiettivo di Azul è infatti proprio quello di collezionare più punti degli avversari decorando al meglio la propria plancia con piastrelle colorate che verranno raccolte dai giocatori col passare dei turni.azul

Svolgimento dei turni

Pronti ad iniziare una partita di Azul?
Ogni giocatore deve prendere per sé una Scheda Giocatore che andrà decorata col passare dei turni. La decorazione andrà fatta con le piastrelle prese dagli “espositori” al centro del tavolo. Si tratta di dischi di cartone dove a inizio partita si mettono le piastrelle a disposizione dei giocatori.
Ad ogni turno ciascun giocatore può prendere tutte le piastrelle di un colore presenti su uno stesso espositore, mentre quelle avanzate verranno spostate al centro del tavolo. Dal secondo turno in poi si potrà scegliere se prendere le piastrelle da un espositore oppure del centro del tavolo.
Dopo aver effettuato la propria azione e prima di passare al prossimo giocatore, chi è di turno prende le tessere ottenute e le piazza in una delle 5 righe bianche della scheda di gioco. Se la riga si riempie le piastrelle in più vengono messe sulla riga delle penalità, come se cadessero dalle mani dei vostri operai.
I round continuano in questa maniera finché il centro del tavolo e tutti gli espositori non sono vuoti.

La fine del gioco

Quando il centro del tavolo e gli espositori sono vuoti la partita è finita. A questo punto si spostano le tessere sulla plancia giocatore: dalle righe riempite alle caselle colorate a destra, iniziando così a decorare la propria parete. Si calcolano poi i punti del round in base al piazzamento delle piastrelle. Si fanno più punti se si riesce a mettere le piastrelle vicino ad altre piastrelle già spostate precedentemente.
Dopo che tutti hanno fatto lo spostamento si rimpinguano gli espositori ed inizia un nuovo giro.
La partita prosegue in questo modo fino a quando almeno un giocatore riempie un’intera riga della sua parete con le 5 piastrelle richieste.
A quel punto si calcola il punteggio finale e chi ha più punti è il vincitore:
1) 2 punti per ogni riga completa di 5 piastrelle
2) 7 punti per ogni colonna di 5 piastrelle completa
3) 10 punti per ogni colore del quale non ci sono più caselle vuote
In caso di parità, vince chi ha più caselle orizzontali da 5 complete, in caso di ulteriore pareggio la partita termina pari.

azul

 

Azul: un gioco per tutti

Come avrete intuito, il gioco non è complicato ma ha quella variabilità e quel pizzico di strategia che rendono ogni partita diversa dalla precedente. In più ciascuna partita dura circa mezz’ora, quindi potete giocarlo diverse volte in una serata. Azul è un gioco adatto a tutte le età, considerando che il regolamento non è molto lungo né complesso e che le partite sono relativamente brevi. I nuovi giocatori apprezzeranno le meccaniche intuitive e riusciranno a calarsi velocemente negli aspetti più strategici, mentre per i veterani una partita può diventare davvero un’esperienza quasi scacchistica, perché più si gioca ad Azul, più le sottigliezze nascoste dietro ogni singola scelta diventano evidenti. Non è un caso se Azul si sia portato a casa tutti questi riconoscimenti: ve lo consigliamo caldamente!

Durata di una partita: 30 – 45 min
Giocatori: 2-4
Prezzo : 30 €
Autori: Michael Kiesling
Grafica: Philippe Guérin, Chris Quilliams
Edizione: Ghenos Games


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
3
Amore
Confusione Confusione
1
Confusione
Felicità Felicità
8
Felicità
Paura Paura
5
Paura
Rabbia Rabbia
8
Rabbia
Tristezza Tristezza
1
Tristezza
Wow Wow
7
Wow
WTF WTF
2
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alessio Riccardi

author-publish-post-icon
Amante di giochi da tavolo, giocatore di Magic della prima ora, divoratore compulsivo di mostre. Se c'è un gioco da tavolo nelle sue vicinanze, probabilmente vi inviterà a fare una partita insieme!
                   Vuoi rimanere sempre aggiornato?

            Iscriviti alla nostra                    Newsletter!

                                   Tranquillo, ti disturberemo solo
                                     una volta al mese...per ora! 👹
Mi iscrivo!
close-link