birds of prey film rinascita harley quinn dc comics
Courtesy of Warner Bros. Pictures/ & © DC Comics © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved.

Birds of Prey: la rinascita non è solo di Harley Quinn | Recensione

5 min


L’universo DC Comics torna al cinema dopo una pausa di quasi un anno (escludendo ovviamente Joker) con il film Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn. Un titolo (lunghissimo, che taglieremo nel corso del pezzo per semplicità di lettura) che arriva in una fase complicata del franchise, combattuto tra la necessità di un rinnovo e il desiderio di mantenere vivo ciò che ha funzionato finora. Insomma, un po’ come la protagonista del nuovo film, anche l’universo DC Comics ha bisogno di una fantasmagorica rinascita. E forse, finalmente, questo processo si è completato.

Di cosa parla il film sulle Birds of Prey e Harley Quinn?

birds of prey film rinascita harley quinn dc comics
Photo by Claudette Barius/ & © DC Comics © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved.

Lo si diceva nell’introduzione ma vale la pena metterlo nero su bianco: Harley Quinn è la protagonista assoluta di questa pellicola. È lei ad aprire il film, con una narrazione fuori campo sconclusionata (ma in linea con il personaggio) in cui ci spiega come si sia interrotto il suo rapporto con Joker, ma nonostante questo stia ancora sfruttando la propria fama di ‘ragazza del Boss’ per fare tutto quello che vuole, impunita.

Così, quando finalmente decide di aggiornare tutta Gotham sul suo nuovo stato civile in maniera molto teatrale, si apre la caccia. Tutti i nemici dell’ex-psichiatra di Arkham la rincorrono per vendicarsi. Fra questi, anche Roman Sionis alias Maschera Nera, che nel frattempo sta anche operando per recuperare un oggetto perduto nel sottobosco di Gotham che gli darà accesso alle grandi ricchezze di una ex-famiglia criminale.

La trama del film sulle Birds of Prey è, a conti fatti, piuttosto classica. C’è un espediente narrativo X che mette in moto le azioni dei vari personaggi principali, ognuno per le proprie ragioni, fino a giungere all’inevitabile confronto finale. Questo modello riesce a rimanere appassionante, principalmente per due motivi. Il primo è il complesso intreccio, che ti tiene in sospeso a lungo sulle ragioni del coinvolgimento dei vari personaggi. Il secondo è lo stile di narrazione.

Harley Quinn è una narratrice imperfetta e il suo racconto ruota continuamente su sé stesso, saltando avanti e indietro nella storia. Non si tratta di un trucco rivoluzionario ovviamente, ma funziona benissimo per vivacizzare le vicende sullo schermo e tenendo lo spettatore attento.

Lasciate a casa i fumetti

birds of prey film rinascita harley quinn dc comics
© 2020 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved.

Ogni volta che si affronta un adattamento cinematografico, c’è sempre un dibattito sulla fedeltà all’opera originale. Un discorso che nel tempo si è fatto sempre meno rilevante, ma vale la pena spendere due parole in merito a questo film e il suo rapporto con le Birds of Prey fumettistiche. SPOILER ALERT: quasi nessuno.

Già qualcosa si poteva intuire, vedendo come mancassero elementi chiave del team dagli annunci di casting. Tuttavia, questo va oltre un semplice cambio di formazione, con personaggi che oltre al nome hanno poco in comune con la loro versione cartacea, in particolare nel caso di Cassandra Cain.

È un problema questo? Assolutamente no. L’importante è sempre che il film sia solido e che i personaggi funzionino in relazione al proprio ambiente. E in questo la pellicola riesce molto bene, creando una nicchia interessante nel grande mondo di Gotham. Può tuttavia essere utile partire preparati alla visione, consapevoli di non doversi aspettare nel film di rivedere le avventure delle Birds of Prey cartacee, ma una storia molto diversa.

Birds of Prey è un film adulto in maniera nuova

birds of prey film rinascita harley quinn dc comics
Photo Credit: Claudette Barius © 2020 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved.

Nella lunga rivoluzione che i cinecomics (non solo quelli DC Comics) stanno attraversando in questi anni, spesso si passa da un’atmosfera che si fa sempre meno infantile/adolescenziale diventando più adatta al pubblico più cresciuto. Al di là del rating R del film, sdoganato per il genere da Deadpool, qui c’è qualcosa di più.

Birds of Prey è un film che porta il concetto di ‘adulto’ su una strada diversa, più nel suo tono che nei contenuti. Un esempio lo si vede nell’approccio alla sessualità: non si tratta della base per gag spinte (come avveniva in Deadpool e in maniera più sottile Guardiani della Galassia), ma di una sua rappresentazione più realistica, inedita per il genere. Pur non facendone il suo focus, né senza scene davvero esplicite, non ha paura di affrontare questo tema, anche nei suoi lati più oscuri, in maniera cruda e potente.

Dal punto di vista della violenza, la tendenza è più moderata. Nella maggior parte dei casi nonostante l’intensità delle azioni, è tutto presentato in maniera cartoonesca, come fosse un episodio dei Looney Tunes. Non mancano però sequenze che sfruttano i ‘talenti’ di Maschera Nera e soprattutto del suo sicario Zsasz.

Difficilmente vedremo dibattiti sull’opportunità o meno di definire questo film cinecomic, come accaduto per Joker. Da questo punto di vista, nonostante la sopracitata questione della fedeltà all’originale, non ci sono dubbi. Tuttavia Birds of Prey sposta più in là i confini del genere, creando a tratti un nuovo ibrido con il cinema dei gangster. Harley Quinn e socie vanno oltre le maschere, diventando personalità a tutto tondo.

Lo stile, ma anche la sostanza

birds of prey film rinascita harley quinn dc comics
Photo by Claudette Barius/ & © DC Comics © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved.

A impreziosire il nuovo film DC Comics c’è sicuramente il suo aspetto visivo. L’incrocio tra i colori vivaci e l’oscurità (letterale e metaforica) di Gotham che si è cercato anche in altri capitoli del franchise qui trova il suo bilanciamento più riuscito. Gli scintillanti costumi di Harley (ma non solo) si sposano perfettamente con le ambientazioni, che sia la centrale del GCPD, il locale di Maschera Nera o l’appartamento della ragazza.

A governare tutto troviamo una ottima Cathy Yan, che dirige in maniera frenetica, scegliendo sempre punti di vistoriginali. Non era sicuramente un compito semplice quello di sostenere l’alto ritmo della pellicola per la sua durata, ma l’obiettivo è stato decisamente raggiunto. Complice anche il supporto nei reshoot di Chad Stahelski (regista di John Wick) inoltre, le sequenze d’azione del film sono davvero divertenti. Alternandosi ottimamente ai momenti più tranquilli, sono sempre di alto livello e fresche.

Tra gli ultimi punti da sottolineare, prima di arrivare alle conclusioni, troviamo un’ottima gestione dell’aspetto comico. Ci saranno diversi momenti lungo la pellicola che ci strapperanno un sorriso, ma non hanno mai la costruzione di una vera gag. Non cerca in ogni modo di farci ridere e per questo quando ci riesce funziona molto bene.

Infine, un piccolo plauso alla grande protagonista del film Margot Robbie. Finalmente la sua Harley Quinn ha lo spazio per mostrarsi al mondo e l’attrice lo sfrutta al suo meglio. Molto apprezzabili i piccoli reminder del passato accademico della donna, sempre ben giocati. Il resto del cast è più in ombra, ma le loro performance restano ottimali, fatta eccezione per una Ella Jay Basco un po’ debole nel ruolo di Cassandra Cain.

Birds of Prey è il film che Suicide Squad non è riuscito a essere

birds of prey film rinascita harley quinn dc comics
Photo Credit: Claudette Barius © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved. TM & © DC Comics

Insomma, Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn è (finalmente) un ottimo ritorno al cinema per l’universo DC Comics. Un film che sembra aver portato a termine la missione che non era riuscita a Suicide Squad, offrendo qualcosa di nuovo, divertente e finalmente davvero convincente. Probabilmente farà discutere, soprattutto i fan più duri e puri dei fumetti, ma è un altro segnale molto positivo nella fase di rinascita del franchise.

Bestseller No. 1
Pantaloncini e leggings sexy da donna Harley Quinn Suicide Squad multicolore Legging rosso e blu. 40-42
  • Colore: rosso/blu.
  • Finitura metallica lucida.
  • Vita elasticizzata: il tessuto è poco elasticizzato.
  • Ideale per cosplay, Halloween, travestimenti, balli.
Bestseller No. 2
Funko Birds of Prey Harley Quinn (Caution Tape) Figurina, Multicolore, Standard, 44367
  • i Funko Pop Sono delle statuine in versione stilizzata ed ironica di personaggi di film, serie...
  • le statuine sono alte 10 cm circa
  • le statuine sono sia in versione bobblehead, ovvero munite di testa traballante a molla, sia statiche
Bestseller No. 3
Star Cutouts Ltd SC1220 Harley Quinn Margot Robbie Lifesize Cardboard Cutout Standee Official DC Comics 170cm Tall, Multicolore
  • Friends and family can enjoy sharing the moment with their favourite stars and characters
  • Makes an amazing unique gift and collectors item
  • All cardboard standees arrive folded for easy transportation and storage
  • Free standing, easy to assemble, use immediately
  • Looks amazing standing in the window, on display or pinned to the wall

Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
10
Amore
Confusione Confusione
6
Confusione
Felicità Felicità
2
Felicità
Paura Paura
8
Paura
Rabbia Rabbia
4
Rabbia
Tristezza Tristezza
7
Tristezza
Wow Wow
7
Wow
WTF WTF
5
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mattia Chiappani

author-publish-post-icon
Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link