banner bookcity milano 2018

Bookcity Milano 2018

1 min


Anche quest’anno torna Bookcity Milano dal 15 al 18 novembre. Gli incontri con gli autori, gli editori, i laboratori e le mostre animeranno la città e la provincia nel mese di novembre.
Cuore della manifestazione rimane il Castello Sforzesco dove saranno ospitati incontri e presentazioni, come il lancio dell’Agenda letteraria di Smemoranda e un grande evento dedicato a Harry Potter. Per gli appassionati di fumetti, la sara Bertarelli nel castello sarà interamente dedicata al graphic novel.

Scienza e tecnologia avranno un ampio spazio dedicato al Museo della Scienza e della Tecnologia, con un’attenzione particolare al digitale, mentre natura e ambiente saranno protagonisti al Museo Civico di Storia Naturale e presso la sede del Club Alpino Italiano. Rilevante la proposta del Planetario con ospiti stellari come Amalia Ercoli Finzi, Adrian Fartade, Luca Perri e Sandra Savaglio.

Oltre che con gli eventi di Bookcity Scuole, con 1300 classi coinvolte nei progetti, la manifestazione sarà dedicata anche ai più giovani. Bookcity Young occuperà le biblioteche pubbliche di Milano, che hanno preparato un calendario di attività fatto di incontri con gli autori, laboratori, letture ad alta voce, sperimentazioni musicali e giochi.

Mercoledì 14 novembre, un giorno prima della manifestazione, dalle 18:00 sarà possibile partecipare a una festa diffusa in moltissime librerie che offriranno alla città il programma stampato di BookCity.
Assieme al racconto in anteprima di temi, incontri, idee, che nei giorni successivi animeranno Milano, alcuni librai racconteranno i propri libri preferiti, con letture ad alta voce di brani scelti.

Giovedì 15 novembre l’inaugurazione di Bookcity Milano 2018 vedrà “Jonathan Coe e il futuro che non ci aspettavamo” alle ore 20.30, ospite al Teatro Dal Verme.

Il programma è consultabile sul sito www.bookcitymilano.it


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Francesca Giulia La Rosa
Trekker, whovian. Non amo le etichette (a parte queste?). Traduttrice, editor a caccia di errori come punti neri nel tessuto della realtà. Essere me è un’esperienza profondamente imbarazzante.
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link