brittany-non-si-ferma-più-amazon-prime-video-recensione

Brittany non si ferma più e con lei anche noi | Recensione

3 min


Arriva oggi su Amazon Prime Video Brittany non si ferma più, film indipendente che ha debuttato allo scorso Sundance Film Festival, dove ha ottenuto il premio del pubblico. Debutto alla regia di Paul Downs Colaizzo, racconta la storia di una giovane ragazza, che cerca di riprendere in mano la propria vita il tutto con il classico mix comedy-drama che caratterizza questo genere di film. Noi l’abbiamo visto in anteprima e siamo pronti a raccontarvi il nostro parere in questa recensione.

Brittany non si ferma più e continua a correre

brittany-non-si-ferma-più-amazon-prime-video-recensione

Al centro di questa pellicola troviamo ovviamente Brittany, una ragazza che si trova di fronte a un momento critico della propria vita. Il suo stile di vita è completamente lasciato andare, si trova sballottata da una serata all’altra, senza mai riuscire a fare dei veri passi avanti nel proprio percorso. Le vicissitudini della sua famiglia l’hanno segnata, facendola deviare dalla sua strada e lanciandola in una spirale da cui non vuole uscire.

Le sue giornate trascorrono vuote, rimpolpate dagli eccessi che però la lasciano comunque insoddisfatta, mentre soffre del confronto con la vita che vede ogni giorno sui social dei propri conoscenti. Che è sempre luminosa, piena, tutto il contrario della caotica esistenza di Brittany. E quando si reca dal medico per farsi prescrivere delle droghe, quest’ultimo la mette in guardia definitivamente. La sua salute è a serio rischio e deve ritrovare il proprio equilibrio.

Per farlo, Brittany sceglie la via della corsa, anche per semplici ragioni economiche. I primi tentativi sono goffi e ne soffre ancora di più, ritornando ad affacciarsi sulla sua vita precedente. Quando però accetta il ramoscello d’ulivo della (tanto odiata) vicina di casa, trova finalmente la propria determinazione. Entrando definitivamente nel mondo degli appassionati della corsa, scopre una realtà di persone che proprio come lei cercano una valvola di sfogo attraverso cui trovare di nuovo le proprie certezze.

La mancanza di fiducia degli elementi della sua vita precedente, la spingono quindi a imporsi un nuovo obiettivo. Qualcosa di estremamente difficile da raggiungere, ma che rappresenta il simbolo del suo nuovo atteggiamento verso la vita: correre la maratona di New York.

La corsa come metafora della vita

brittany-non-si-ferma-più-amazon-prime-video-recensione

Brittany non si ferma più ha un primo, ovvio, livello letterale. Si tratta di un’esperienza vissuta dall’autore Paul Downs Colaizzo attraverso la sua amica Brittany O’Neill. La sua storia non ha certamente toni epici, non ci sono montagne invalicabili da scalare, sfide al limite dell’umana possibilità o imperi da abbattere. È la vicenda di una ragazza comune, che decide di darsi un obiettivo ambizioso e cercare di raggiungerlo.

In realtà però, scavando più a fondo, la corsa e la maratona in Brittany non si ferma più sono solamente pretesti. Quello che il film vuole raccontarci è il pericolo nel lasciarsi andare, nel non impegnarsi più, nel non credere in sé stessi, allontanando chi ci vuole bene. All’inizio Brittany non si ferma più in un senso negativo. È un oggetto in continuo movimento, che non cerca in alcun modo di interrompere il proprio avanzare verso il nulla. Si lascia trascinare, completamente in balia degli eventi, senza muovere un muscolo.

A un certo punto però la ragazza riesce a rallentare. Non è una frenata brusca, anzi. Ci vuole del tempo, dell’impegno e si passa anche attraverso diverse ricadute. Brittany però si impunta, tiene i denti stretti e continua a perseverare. E a questo punto il suo “non fermarsi” cambia radicalmente, non solo nella sua direzione: la protagonista diventa una forza attiva, che si muove per propria iniziativa, non perché spinta da altri.

Un inno all’autodeterminazione quindi? Sì e no. Perché in Brittany non si ferma più si racconta anche dell’importanza che chi ci sta intorno ha per la nostra vita. È fondamentale non abbandonarsi a ciò che ci succede intorno, ma non è necessario (né utile) procedere sempre e comunque da soli. Aprirsi con altri, creando veri rapporti umani è la chiave per riprendere in mano il proprio equilibrio. Solo così Brittany (e noi con lei) riuscirà a continuare a correre, senza fermarsi, ma finalmente con un controllo sulla propria vita.

Pareri finali

brittany-non-si-ferma-più-amazon-prime-video-recensione

Brittany non si ferma più è un’avventura divertente, che sarà capace di farvi ridere ed emozionare, impreziosito da una ottima Jilian Bell, che regala una grande performance. Una visione consigliata per uno di questi pomeriggi autunnali, che coinvolge e da spunti di riflessione non irrilevanti.

Brittany non si ferma più è disponibile dal 15 novembre su Amazon Prime Video.

[amazon_link asins=’1080286519,8872183952,8860731984′ template=’ProductCarousel’ store=’bolongia-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c7852785-cc3f-4c6a-a62b-2845a38201cc’]


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
2
Amore
Confusione Confusione
5
Confusione
Felicità Felicità
8
Felicità
Paura Paura
4
Paura
Rabbia Rabbia
8
Rabbia
Tristezza Tristezza
9
Tristezza
Wow Wow
5
Wow
WTF WTF
2
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mattia Chiappani

author-publish-post-icon
Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link