Candidature Oscar 2020: 7 dettagli che abbiamo notato

5 min


Finalmente sono arrivate le candidature agli Oscar 2020. Nel pomeriggio di ieri c’è stato infatti l’annuncio di tutte le Nomination all’ambito premio cinematografico, uno dei più importanti dell’industria, almeno quella occidentale. Ci sono diversi aspetti interessanti da analizzare nell’elenco diffuso dall’Academy. Scorriamo insieme l’elenco e scopriamo di quali si tratta.

Candidature Oscar 2020, un anno davvero combattuto

Rispetto allo scorso anno, questa edizione degli Academy Awards sembra partire con meno ostacoli. La decisione di non avere un conduttore ufficiale, nonostante il ritardo nell’annuncio, questa volta sembra arrivare come una vera e propria scelta e non l’unica soluzione disponibile dopo il rifiuto di tutti i possibili candidati. Già da tempo, dopo i risultati piuttosto buoni dell’ultima cerimonia, ci si aspettava una scelta simile. Certo, l’empasse sul conduttore andrà probabilmente affrontata in maniera seria nel futuro. Attualmente però sembra comunque una via praticabile e che può regalare grandi emozioni.

Dopotutto, quella di quest’anno è apparentemente una delle cerimonie più combattute degli ultimi tempi. Ne parleremo meglio nel corso della lista, ma l’impressione è che sia davvero difficile tirare fuori un vero e proprio favorito. Molto probabilmente sarà arduo anche definire un vero vincitore della serata, con i premi che risulteranno piuttosto distribuiti, nonostante l’alta concentrazione delle Nomination. Ma qui stiamo già entrando nel campo dei pronostici e non è quello di cui ci dobbiamo occupare in questo pezzo.

Oggi infatti, come anticipato in apertura, volevamo fare qualche riflessione sulle candidature agli Oscar 2020. Cosa ci dicono sullo stato di questo riconoscimento, sullo stato dell’industria e su ciò che ci attende. Ci sono state diverse sorprese, diversi cambi di direzione rispetto ai pronostici nei mesi passati, diverse conferme, diversi segnali sui cambiamenti in corso.

Insomma, c’è molto da dire sugli Oscar 2020, già a partire dalle candidature. E allora ecco tutti i dettagli interessanti che abbiamo notato emergere dall’elenco. Segnalateci i vostri e iniziate a mettere da parte i popcorn per la notte del 9 febbraio quando i premi saranno consegnati. Ci sarà da divertirsi.

Ci toccherà un film bruttissimo di Adam Sandler

candidature oscar 2020 uncut gems fuck adam sandler recensioni-rotten-tomatoes-teaser-trailerNonostante il rapporto dell’attore con la critica non sia mai stato idilliaco, quest’anno sembrava proprio essere l’anno giusto per Adam Sandler. La sua interpretazione in Diamanti grezzi aveva avuto un’ottima accoglienza e sembrava essere destinata a vari riconoscimenti nella Awards Season. Con il passare delle settimane però la sua posizione si è sempre più indebolita e ora è uno dei cosiddetti ‘snobbati’ dall’Academy. Sarebbe stato comunque difficile battere il favorito Joaquin Phoenix o una delle tante interpretazioni maschili eccezionali del 2019, ma ora le speranze sono letteralmente zero. Chissà se Sandler manterrà la sua promessa di fare un film bruttissimo di proposito in caso di esclusione…

Avengers: Endgame è fuori dalla corsa per Miglior Film

Dopo l’ingresso di Black Panther nelle candidature dello scorso anno, la strada sembrava spianata per un buon numero di candidature per la grande conclusione della Infinity Saga. Disney lo aveva addirittura proposto in 14 categorie (con multipli suggerimenti per le categorie attoriali) ma il responso finale è stata una singola Nomination per i Migliori effetti speciali. Era dal 1993 con Jurassic Park che il nuovo maggiore incasso nella storia del cinema non riceveva candidature nelle categorie principali. Anche in questo caso, con il progredire della Awards Season, questo risultato sembrava sempre più prevedibile. È evidente che il 2019 ha offerto talmente tante pellicole di qualità che era impossibile ‘cedere’ una posizione a Capitan America e compagni. E in fondo, va bene così.

La regia è ancora appannaggio degli uomini

candidature oscar 2020 Chiudiamo le riflessioni sugli snobbati con il tema che probabilmente farà più rumore in queste ore. Per il secondo anno consecutivo (e la nona volta nelle ultime dieci edizioni) la cinquina della Migliore Regia è formata da soli uomini. Non è bastato quindi l’anno record per le donne dietro la telecamera ad aprire la strada a una di loro tra le scelte dell’Academy. La candidatura di Greta Gerwig, che sarebbe stata la prima a riceverne due nella propria carriera, per il suo Piccole donne sembrava quasi certa qualche settimana fa, ma col tempo è calata nei pronostici che sono stati confermati. La questione femminile alla regia è troppo ampia e complessa per essere affrontata in questo spazio, ma sicuramente è un tema che Hollywood dovrà affrontare nel suo prossimo futuro e probabilmente l’assenza dalle scelte dell’Academy è solo il sintomo di un problema che va più a fondo nell’industria.

La barriera dei sottotitoli è stata infranta?

Parasite il film candidature oscar 2020 Fortunatamente lo spirito si risolleva un po’ guardando al mondo dei film stranieri. Certo, siamo lontani dall’exploit dello scorso anno, con ben 12 candidature a opere di questo tipo (escluse ovviamente quelle della categoria dedicata). Ciononostante, vedere arrivare due titoli come Parasite e Dolor y gloria nelle corse principali ai premi è uns egnale davvero positivo per l’estensione dei confini dell’Academy e di tutta l’industria. Queste candidature agli Oscar 2020 sembrano confermare le bellissime parole del regista del film sudcoreano ai Golden Globe: “Una volta superata la barriera di 2 centimetri dei sottotitoli avrete accesso a così tanti nuovi film eccezionali. […] Penso che usiamo un solo linguaggio: il cinema“.

Netflix in cima al mondo

The Irishman roma candidature oscar 2020Tra i principali temi discussi negli ultimi anni nel mondo del cinema, c’è sicuramente quello del conflitto tra le piattaforme di streaming e l’industria più ‘classica’. In questa sorta di guerra fredda, Netflix sembra aver segnato un punto davvero importante. Dopo le 15 candidature dello scorso anno, la piattaforma ne ha raccolte ben 24 negli Oscar 2020. Sono tante ma non solo, sono soprattutto più di tutti gli altri. Anche la corazzata Disney ne ha ottenute solamente 23, rendendo Netflix lo studio dominante per queste Nomination. Questo sicuramente grazie agli eccezionali risultati di The Irishman e Storia di un matrimonio, supportati anche dalle tre candidature a I due papi. Un segnale d’impatto per l’industria che farebbe bene a considerare o semplicemente un riconoscimento a pellicole di qualità? Chissà, resta che la presenza di Netflix nella Awards Season si fa sempre più imponente.

Tante candidature sono concentrate

jokerLa classifica dei film con più candidature agli Oscar 2020 vede in testa Joker con 11 Nomination, seguito da 1917, C’era una volta a… Hollywood e The Irishman con 10. Questo significa che ben 41 posizioni, quasi un terzo del totale, sono andate a soli quattro film, una concentrazione incredibile che non si era mai vista in tempi recenti. Un segnale interessante che evidenzia la grande potenza di queste pellicole e pone le basi per una sfida davvero accesa il prossimo 9 febbraio.

È stato un anno bellissimo!

candidature oscar 2020 cera-una-volta-hollywood-cinema-quentin-tarantino-recensione

E chiudiamo l’elenco con uno sguardo all’anno eccezionale che ha avuto il cinema nel 2019. Le candidature agli Oscar 2020 fotografano proprio questo, in due modi diversi. Da una parte attraverso gli snobbati, che sono davvero tanti, ben oltre quelli che abbiamo semplicemente citato qui. Si sprecano le liste di attori, registi e film che avrebbero meritato una posizione in questo elenco, ma al contempo è difficile trovare nomi da escludere per fare loro spazio. Per rendere davvero giustizia al 2019 cinematografico probabilmente sarebbero servite dieci candidature per categoria. Dall’altra, questo livello di qualità apre le porte a una cerimonia di premiazione che sarà la più combattuta degli ultimi anni. Fatta eccezione per le categorie attoriali, che probabilmente riprodurranno il quartetto Zellweger-Phoenix-Dern-Pitt dei Golden Globe, le corse appaiono davvero aperte. Lo stesso Oscar al Miglior Film vede ovviamente i quattro film con più candidature come favoriti, ma non è assolutamente da escludere che degli underdog come Jojo Rabbit, Parasite o Storia di un matrimonio possano farsi largo verso la vittoria finale. Insomma, questo 9 febbraio ci sarà davvero da divertirsi!


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
9
Amore
Confusione Confusione
2
Confusione
Felicità Felicità
1
Felicità
Paura Paura
1
Paura
Rabbia Rabbia
2
Rabbia
Tristezza Tristezza
5
Tristezza
Wow Wow
1
Wow
WTF WTF
1
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mattia Chiappani

author-publish-post-icon
Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.
                   Vuoi rimanere sempre aggiornato?

            Iscriviti alla nostra                    Newsletter!

                                   Tranquillo, ti disturberemo solo
                                     una volta al mese...per ora! 👹
Mi iscrivo!
close-link
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link