Senza categoria

Completata la prima traversata in solitaria dell’Antartide

L'americano Colin O'Brady riesce nell'impresa di attraversare da solo l'Antartide

Colin O’Brady, trentatreenne americano, è il primo esploratore a riuscire nell’impresa di traversare l’Antartide in solitaria, in una missione che l’ha visto protagonista senza aiuti o supporti esterni di alcun genere.

La traversata solitaria dell’Antartide di O’Brady

The Impossible First“, così è stata soprannominata questa incredibile prova, che l’uomo ha per la prima volta completato. Senza altro supporto che la propria prestanza fisica e i pochi strumenti che O’Brady aveva con sé, nel corso di 54 giorni l’uomo è riuscito a percorrere sciando circa 1500 chilometri, trainando una slitta dal peso di 135 chilogrammi dall’Oceano Atlantico fino all’Oceano Pacifico, toccando anche il Polo Sud magnetico.

Il punto di arrivo è stato la Barriera di Ross, sulle coste dell’Oceano Pacifico, raggiunto il 26 dicembre. Il viaggio per arrivarci è stato durissimo: temperature polari, venti gelidi e fortissimi, continue tempeste di neve che hanno lasciato l’uomo stanco, consumato e affaticato, ma anche estremamente soddisfatto quando è riuscito ad arrivare alla conclusione di questa strabiliante impresa.

Sciando fra gli innumerevoli pericoli che questo continente ghiacciato nasconde, fra tutte i crepacci nascosti, che possono rivelarsi un rischio mortale, l’uomo è riuscito in un’impresa che mai prima d’ora era stata compiuta. Resistendo a temperature polari che potevano intaccare la salute fisica e mentale anche dei più preparati, O’Brady ha commentato di aver comunque trovato la forza di andare avanti: “Tutti abbiamo riserve alle quali non abbiamo mai attinto“, il mantra che si è ripetuto durante le lunghissime ore di viaggio.

Un traguardo di cui essere sicuramente orgogliosi, quindi, è un tassello importantissimo da aggiungere nella storia dell’esplorazione in solitaria, nonché in quella della scoperta dell’Antartide, un luogo ancora remoto e pericoloso – e, forse proprio per questo motivo, estremamente affascinante per chi, come O’Brady, vuole mettersi alla prova.

Fonte
National Geographic
Tags

Sara Cosentino

Laureata in Lingue, ora studio Editoria. Orgogliosa Corvonero, se non sto leggendo un libro sto guardando una serie tv (quasi di sicuro The Office per l'ennesima volta) o ascoltando improbabile musica metal. Mi vesto solo di nero, ma adoro le cose carine e i capelli viola sono la prova che, in realtà, sono la ragazza magica di uno shōjo - o, più probabilmente, una strega.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker