two sentence horror stories

Cosa sono le Two Sentence Horror Stories?
Esploriamo il fenomeno vecchio 150 anni che è diventato un trend sul web

2 min


Two Sentence Horror Stories, ossia racconti dell’orrore in due frasi, un curioso fenomeno che esiste sul web da molto tempo ma che negli ultimi mesi sta avendo un picco di popolarità. Di cosa si tratta, e soprattutto, dove è nato? 

30 Two-Sentence Horror Stories To Freak You Out Quickly | Bored Panda

Le Two Sentence Horror Stories sono appunto racconti che devono riuscire a inquietare chi li legge in soltanto due frasi, un obiettivo non banale ma che, quando riesce, può funzionare meglio di un film. Eccone alcuni esempi presi da questa bacheca di reddit, dedicata proprio ad esse: 

“La scorsa notte ho letto ai bambini una storia delle buonanotte, e ho sentito i figli dei nuovi vicini ridere rumorosamente.
Oggi ho cercato di organizzare un pomeriggio di giochi assieme, ma non hanno figli”

“Ho sbirciato fra le assi del pavimento per riuscire a scorgere il notiziario alla TV, sperando silenziosamente.
Il mio cuore si è fermato quando mi sono reso conto che oggi il mondo si è dimenticato di me.”

“Il campanello ha suonato, strano, non ne abbiamo uno.
Ancora più strano che provenga dall’armadio chiuso.” 

“Sento sempre “buonanotte” quando vado a dormire, e solitamente mi fa piacere.
Ma oggi mi ha spaventato, mi sono appena trasferito in una nuova casa da solo.”

Da dove nasce tutto ciò? Da un fatto diventato leggenda. Anni fa iniziò a circolare una notizia su internet, secondo la quale era indetto un concorso letterario con una regola speciale: scrivere il miglior racconto horror, limitando il testo ad una riga sola. L’autore vincitore di questo concorso sarebbe stato Stephen King, con questo testo: “L’ultimo uomo rimasto sulla Terra è  da solo nella stanza. Bussarono alla porta“.

La leggenda del concorso vinto da King è falsa ma la frase esiste davvero, appare nell’incipit di un racconto pubblicato nella rivista Wonder Stories nel 1948 (quindi decisamente prima di internet), dallo scrittore di fantascienza Fredric Brown.  Il titolo era Knock, tradotto Toc Toc, ed inizia così:

“C’è una dolce, piccola storia dell’orrore che è lunga soltanto due frasi. L’ultimo uomo sulla Terra sedeva da solo in una stanza. Qualcuno bussò alla porta.”
 
Ma nemmeno Brown è l’autore originale di questo breve testo. Pare infatti che una storia simile fosse già diffusa da tempo negli Stati Uniti. Il primo a raccontarla, in una versione leggermente diversa, sarebbe stato Thomas Aldrich nel 1870: “Una donna è sola in casa. Sa di essere l’ultima al mondo. Tutte le cose viventi sono morte. Il campanello suona.”
 
Una storia lunga 150 anni e che oggi si è evoluta grazie al web, e alle frasi scritte si sono aggiunte foto, video, letture e animazioni. Oltre alla bacheca di Reddit citata sopra si possono trovare Two Sentence Horror Stories ad esempio su Youtube e Tik Tok, dove vengono interpretate con dei video e sono diventate un vero e proprio trend. 

VIDEO: The CW Shares TWO SENTENCE HORROR STORIES Promo

Spesso queste brevi storie spaventose vengono anche utilizzate come spunto per scrivere racconti più lunghi, due frasi suggestive che possono dar vita ad un miliardo di storie, spiegazioni ed esplorazioni sul tema. Questa è l’idea da cui parte la serie TV americana “Two Sentence Horror Stories”: ogni episodio inizia con una storia horror in due frasi, e poi amplia la narrazione in un episodio di mezz’ora.
 
Queste sono solo alcune delle realtà che si sono sviluppate a partire da quel “Toc Toc”, e chissà quante ancora ne nasceranno il futuro. E voi? Conoscete delle Two Sentence Horror Stories, o ne avete mai scritte? 
 
Testi di Alessio Riccardi e Giada Rossi

Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

redazioneon

La Redazione di Orgoglio Nerd, sempre pronta a raccontarvi le ultime novità dal mondo della cultura Nerd, tra cinema, fumetti, serie TV, attualità e molto altro ancora!
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link