fbpx
Senza categoria

Dungeon Fighter: Mostri da Tavolo

Ci sono situazioni nelle quali non è importante soltanto tirare il dado, ma anche il modo in cui lo tirate. 
Dungeon Fighter, gioco pubblicato da Cranio Creations,  potrebbe essere riassunto con questa frase, ma dietro un concetto semplice si nasconde un’idea divertente, un party game che mescola bene gli elementi basilari del tipico gioco fantasy con delle grasse risate alla portata di tutti.
Il gioco consiste nel portare un gruppo di eroi (i giocatori) all'interno di un dungeon, raccogliere i tesori e sconfiggere i mostri fino al boss finale. Sembra un gioco come se ne sono visti tanti, ma è proprio qui che inizia la parte di novità perché i mostri non saranno abbattuti facendo il numero più alto con il dado, ma bensì tirando il dado sopra ad un tabellone a forma di bersaglio, con valori di danno sempre più alti man mano che ci si avvicina al centro. 
L’elemento strategico non è del tutto marginale in questo gioco, infatti ad ogni combattimento il gruppo ha a disposizione tre dadi di colori diversi. I colori corrispondono ad altrettante abilità che ciascun Pg possiede, diverse a seconda di quale personaggio è stato scelto.  Una volta utilizzato, un dado non può essere tirato di nuovo in quello stesso combattimento, se non dopo che tutti i tre dadi sono stati esauriti e dopo aver sacrificato una parte del tesoro. In generale quindi è bene scegliere in maniera oculata chi utilizzerà quale dado, anche perché sarà proprio il tiro del dado a determinare se si attiva o meno l’abilità (probabilità del 50%). Quindi a volte sarà meglio lasciare il dado rosso al guerriero nella speranza di raddoppiare i danni piuttosto che farlo usare al paladino per recuperare le ferite subite.
Le ferite che ogni personaggio può assorbire sono nove, dopo di che il personaggio muore  e copre con un apposito cartoncino una sezione che comprende tre punti ferita e una delle tre abilità del personaggio, che non potrà più essere utilizzata fino alla fine della partita. Ovviamente, una volta coperta anche l’ultima delle tre abilità, il giocatore resta senza punti vita e quindi è eliminato definitivamente.
Chiaramente, questi elementi impongono che i giocatori si coordino come un vero e proprio gruppo di avventurieri, valutando di volta in volta come agire per minimizzare i danni ricevuti e cercare di abbattere i nemici senza dover utilizzare il tesoro accumulato per acquistare altri dadi, cosa che sarà invece indispensabile alla fine della partita, contro il boss finale
La parte più divertente è in ogni caso data dall'utilizzo di armi o colpi speciali, che infliggono danni aggiuntivi se si tira il dado in determinate maniere: ecco allora che ci saranno giocatori che lo lanciano dal naso, o dopo una capriola, o saltando, o in altre decine di modi. Anche alcuni mostri costringono a lanciare i dadi in maniere specifiche per poterli danneggiare, il tutto suscitando moti di ilarità generale per chi dovesse trovarsi ad osservare i giocatori. 
La componentistica è curata, con parti in cartoncino rigido e carte telate che si sgualciscono difficilmente. La grafica, curata da Giulia Ghighini, è perfettamente in tono con il gioco, con immagini divertenti e scanzonate unite che riescono comunque ad essere immediatamente intuitive, specie per quanto riguarda le descrizioni dei poteri degli oggetti e le modalità per tirare i dadi.
Appare subito evidente che il gioco ha un tono ilare, destinato ad un gruppo di persone che vogliono svagarsi in maniera tranquilla. La durata di una partita è di circa un’ora, salvo che i giocatori non si facciano uccidere prima, ed è adatto a tutta la famiglia. Anche il prezzo è molto interessante: circa 40€ ( a seconda del sito internet, si può trovare anche a 35€) per un gioco sicuramente longevo e divertente. 

Alessio Riccardi

Amante di giochi da tavolo, giocatore di Magic della prima ora, divoratore compulsivo di mostre. Se c'è un gioco da tavolo nelle sue vicinanze, probabilmente vi inviterà a fare una partita insieme!

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker