Scienza e Tecnologia

Ebola: scoperta proteina che combatte il virus

Si tratta di una proteina umana frutto di anni e anni di evoluzione

I ricercatori hanno scoperto una proteina umana che aiuta a combattere il virus Ebola e potrebbe un giorno portare ad una terapia efficace contro la malattia mortale. Tutto questo è stato possibile grazie ad un nuovo studio condotto dalla Northwestern University, dalla Georgia State University, dalla University of California, dalla San Francisco (UCSF) e dagli Gladstone Institutes che è stato pubblicato a dicembre nella rivista Cell.

Questa ricerca potrebbe portare allo sviluppo di un farmaco molecolare

La recente scoperta delle capacità della proteina umana RBBP6 di interferire con la replicazione del virus Ebola suggerisce nuovi modi per combattere l’infezione. Man mano che i virus sviluppano ed evolvono le proteine ​​per bypassare le difese immunitarie del corpo, le cellule umane a loro volta sviluppano meccanismi di difesa contro quei virus – una corsa agli armamenti evolutiva che dura da milioni di anni. Questo particolare meccanismo di difesa ha un potenziale terapeutico, ha detto l’autore coproduttore Judd Hultquist, assistente professore di medicina nella divisione delle malattie infettive presso la Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University, che ha condotto la ricerca mentre era negli Gladstone Institutes:

Una delle parti più spaventose dell’epidemia di Ebola del 2014 è stata che non avevamo trattamenti a disposizione; decine di migliaia di persone si ammalarono e migliaia di persone morirono perché ci mancava un trattamento adeguato. Quello che immaginiamo è un piccolo farmaco molecolare che imita questa proteina umana e potrebbe essere utilizzato in risposta ad un’epidemia di virus Ebola.

Un piccolo farmaco molecolare è l’obiettivo finale perché questi farmaci sono in grado di entrare più facilmente nelle cellule.

Una relazione mortale tra proteina del virus Ebola e proteina umana

Il virus Ebola, come altri virus, invade le cellule ospite e le utilizza per replicarsi, usurpando i processi cellulari per costruire proteine ​​virali, che alla fine diventano nuove copie del virus. Nel presente studio, Hultquist e i suoi collaboratori hanno utilizzato la spettrometria di massa, una tecnica che identifica elementi specifici in un campione mediante la massa, per cercare interazioni tra proteine ​​umane e proteine ​​del virus Ebola. Hanno trovato prove evidenti di un’interazione tra la proteina del virus Ebola VP30 e la proteina umana RBBP6.

Un’ulteriore analisi strutturale e computazionale ha ristretto l’interazione fino ad una piccola catena di peptidi lungo 23-aminoacidi. Questo piccolo gruppo di aminoacidi da solo è sufficiente a interrompere il ciclo di vita del virus Ebola, ha detto Hultquist:

Se prendi quel peptide e lo metti nelle cellule umane, puoi bloccare l’infezione da virus Ebola. Al contrario, quando rimuovi la proteina RBBP6 dalle cellule umane, il virus Ebola si replica molto più velocemente.

Al riguardo è intervenuto anche Nevan Krogan, ricercatore esperto presso Gladstone e professore di farmacologia cellulare e molecolare presso UCSF:

Questa è un’interazione chiave. La domanda è se possiamo manipolarlo in modo efficace farmacologicamente per avere valore terapeutico.

In futuro le malattie saranno più forti e più diffuse

Hultquist ha anche aggiunto che le malattie emergenti avranno un impatto sulle nuove regioni mentre il mondo continua a diventare più interconnesso e globalizzato. Inoltre, l’incombente spettro del cambiamento climatico promette di ampliare la portata delle malattie trasmesse da vettori – espandendo ad esempio la gamma di zanzare – richiedendo nuove strategie per frenare le epidemie.

Fino a poco tempo fa, molte malattie nei paesi in via di sviluppo, tra cui il virus Ebola, erano state relativamente sottostimate, ha detto Hultquist:

Fino all’epidemia del 2014, nessun Paese si era realmente interessato. Fu allora che questi Paesi iniziarono seriamente a preoccuparsi del potenziale di un’epidemia più ampia. Non sarà più un problema locale e le persone non possono più permettersi di ignorarlo. Dovremmo assumere una posizione molto più proattiva contro alcuni di questi virus trascurati e studiarli in tempo reale, quindi la prossima volta che si verificherà un’epidemia, saremo pronti per questo e, quindi, essere più efficaci.

Fonte
Northwestern
Tags

Giovanni Arestia

Ingegnere informatico con la passione per il cinema, i libri, i videogiochi, i fumetti e i prodotti tech. Nel tempo libero coltivo qualcuna di queste passioni, ne perseguo delle altre e fingo di essere un DJ di fama internazionale producendo canzoni che non ascolta nemmeno mia madre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker