Gli eSport sono in continua crescita grazie sia al numero sempre maggiori di videogiocatori interessati che al numero di giochi inseriti nelle varie competizioni. I più famosi sono ovviamente Fortnite, Overwatch, Dota, l’inossidabile League of Legends, ma di recente se n’è aggiunto uno molto particolare: Farming Simulator 2019.

È ritenuto un vero e proprio titolo competitivo

Grazie infatti ad una vendita inaspettata che ha superato il milione di unità nei soli primi giorni dal lancio, Farming Simulator sarà presente nei prossimi tornei eSport. In realtà non è una novità, era il lontano 2017 quando il titolo comparve per la prima volta nella lista dei giochi competitivi per eSport, ma quest’estate ci sarà una grossa novità: la Farming Simulator League.

Un montepremi inaspettato

Questo torneo consisterà di dieci eventi sparsi in tutta Europa e tra le tappe più importanti vi sono la GamesCom di Colonia, il Paris Games Week e il FarmCon 2020. In questi tornei sei giocatori si sfideranno in incontri 3vs3 con la possibilità di portarsi a casa una cifra pari a 250mila euro. Si tratta di una cifra nettamente al di là di ogni aspettativa tenendo in considerazione che finora il montepremi massimo di alcune fiere era di 3mila euro.

Tutto questo è dovuto non solo al grande successo di pubblico e di critica del gioco, ma anche a sponsor del calibro di Logitech e Intel che hanno deciso di investire in queste competizioni.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Amore Amore
0
Amore
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Paura Paura
0
Paura
Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Giovanni Arestia

author-publish-post-icon
Ingegnere informatico con la passione per il cinema, i libri, i videogiochi, i fumetti e i prodotti tech. Nel tempo libero coltivo qualcuna di queste passioni, ne perseguo delle altre e fingo di essere un DJ di fama internazionale producendo canzoni che non ascolta nemmeno mia madre.