fbpx
Intrattenimento

Happy! Non sarà rinnovata con una terza stagione

Cancellata la serie tutta sangue, droga e creature immaginarie

Happy un unicorno! Sembra infatti che la serie tv sia giunta alla sua conclusione e SyFy non rinnoverà la serie per una terza stagione. The Hollywood Reporter sostiene che la cancellazione è stata una ‘decisione difficile’ dovuta al notevole abbassamento di rating che ha avuto la seconda stagione rispetto alla prima.

Happy! E una continuazione complicata

La prima stagione ha debuttato nel Dicembre del 2017, con un successo imminente da parte della critica e del pubblico, tant’è che è stata subito rinnovata per una seconda stagione.

Come i più preparati sanno, Happy! Segue le vicende di Nick Sax, un ex poliziotto ora sicario, intento ad aiutare l’amico immaginario di sua figlia, un piccolo unicorno blu, con cui dovrà cercare sua figlia rapita.

La serie è ispirata all’omonimo fumetto di Grant Morrison:

“Volevamo fare qualcosa che fosse un perfetto adattamento del fumetto” spiega Morrison “Non credo che la trasposizione da un media ad un altro riesca sempre alla perfezione se si cerca di copiare servilmente l’originale. La storia editoriale era solo di quattro numeri. Ho sempre voluto fare di più con i personaggi, ma non c’era alcuna possibilità di sequel a causa di come abbiamo affrontato le tematiche nel fumetto”.

Infatti la serie tv è riuscita a catturare a pieno l’energia e l’atmosfera dark del fumetto. Le note grottesche che vengono trasposte, la violenza, il sangue a fiumi, il politicamente scorretto, questa nota punk rock completamente in contrapposizione con l’atmosfera natalizia in cui è ambientato, sono il marchio di fabbrica di questa storia. E noi l’abbiamo adorata per questo.

Purtroppo dovremmo accontentarci di due stagioni, accettando un destino in cui da un certo punto di vista, per restare fedeli ad un fumetto che finisce, bisogna creare una serie che finisce.

Come magra consolazione, proprio oggi approda la seconda stagione di Happy! Su Netflix Italia.

Tags

Enrico Natalini

il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker