Mass Effect 3: I fan hanno vinto. Chi ha perso?

4 min


Il famigerato Extended Cut di Mass Effect 3 ha finalmente visto la luce. Da poco, il 26 giugno, è disponibile per il download (eccettuati gli sfortunati possessori europei di Playstation 3, che per ragioni misteriose dovranno attendere fino ai primi di luglio). Come sapete, il DLC gratuito è stato la risposta della Bioware e della Electronic Arts alla gragnuola di critiche, minacce, pretese da parte di un allarmante numero di fan scontenti del finale originale del gioco, che si sono sentiti traditi, abbandonati e frustrati. 
Abbiamo giocato all'Extended Cut, ma non vogliamo dilungarci sul contenuto. Diremo soltanto (e visto che diremo cose, da qui in avanti SPOILER ALERT) che il nuovo finale è ben riuscito, gustoso, emotivamente soddisfacente. Chiude i buchi di trama più evidenti: si sa che fine fanno i propri compagni, si giustifica la “fuga” di Joker, si rende più evidente che i portali galattici non scatenano esplosioni apocalittiche in tutta la galassia. Concede più libertà di azione nel dialogo con il Catalizzatore, facendo più chiarezza sugli angoli oscuri del vecchio finale e dando al giocatore la tanto agognata possibilità di mandare allegramente a quel paese il dannato moccioso. Depenna i tre famigerati filmati con l'esplosione colorata, e li sostituisce con cinque nuove e soddisfacenti cinematiche. Fornisce una panoramica sul destino della galassia, fornendo più informazioni sulle conseguenze della scelta compiuta sulla Cittadella. E con buona pace di molti, sembra smontare in via sostanzialmente definitiva la teoria dell'indottrinamento. Insomma: il DLC è precisamente quello che la Bioware aveva promesso che sarebbe stato, né più né meno. 
Quello su cui vogliamo dilungarci, però, ora che i giochi sono fatti, è l'impatto che questa storia ha avuto ed avrà nell'industria del videogioco. A nostro modo di vedere, tale impatto sarà catastroficamente negativo, per almeno due grandi ragioni.
Primo: questa storia costituisce un precedente pericoloso. Il messaggio che si ottiene dalla conclusione (se lo sarà davvero) di questa vicenda è che se un numero abbastanza grande di fan frigna a voce abbastanza alta, le case di sviluppo (o più probabilmente di distribuzione) se la faranno sotto e decideranno di sottostare alle richieste (anzi: pretese) dei fan. Non era mai successo prima, o comunque mai in una produzione di questo livello e di questo grado di ambizione. Spesso viene citato come precedente il DLC Broken Steel di Fallout 3, ma è improprio. C'è una differenza fondamentale, ed è questa: Broken Steel è a pagamento, l'Extended Cut no. Non è differenza da poco: nel primo caso si è comunque all'interno della normale e sana dialettica fra autore e consumatore, nella quale il primo fa bene a prendere in considerazione i commenti e le critiche del secondo, ed in base ad esse modula il successivo contenuto che propone. E' successo tante volte anche alla Bioware stessa, senza andare troppo lontano: il DLC di Mass Effect 2, L'Ombra, è stato creato proprio in seguito alla sonora protesta dei fan per la quasi totale mancanza di Liara nel gioco. Ma L'Ombra era a pagamento. Nel caso dell'Extended Cut questa dinamica autore-consumatore va a farsi friggere e viene sostituita da un'altra, malsana e pericolosa: il consumatore ha preteso di detenere il diritto di imporre il suo malumore sull'autore, il quale è tenuto a correggere il tiro. Questo non avviene in nessun altro medium: dopo aver visto un film deludente non si scrive al regista “non mi è piaciuto, cambialo”; al massimo, si scrive “non mi è piaciuto, fai schifo”. Questo precedente ci appare abominevole e pericoloso, e speriamo con tutto il cuore che non si ripeta.
Secondo: la questione più importante è però un'altra, su un piano diverso. Da ormai anni si fa che parlare di videogiochi ed arte, ci si riempie la bocca con rivendicazioni altisonanti, si lotta per far sì che il medium videogioco sia considerato a buon diritto un prodotto culturale non diverso dagli altri, anziché un semplice prodotto di consumo, un giocattolo che si usa col televisore. Questa storia, secondo noi, ha portato indietro questa battaglia sacrosanta di almeno un decennio. Con quale coraggio si potrà oggi sostenere che un videogioco possiede una dignità artistica pari a quella di un film o un romanzo, dopo un episodio in cui l'autorità del creatore sulla sua opera è stata presa e scagliata fuori dalla finestra? Gli sviluppatori della Bioware hanno abdicato la propria paternità sulla loro opera, sebbene siano riusciti a limitare i danni, per così dire. E' stato sbagliato da parte dei fan pretendere che si cambiasse ciò che non era piaciuto, perchè significa che i fan non hanno rispetto per l'autorità (e l'etimologia è significativa) che un autore ha sulla propria opera. E' stato sbagliato per gli sviluppatori piegarsi a queste richieste, perchè significa che loro stessi non rivendicano pienamente quell'autorità. Sentiamo già diverse obiezioni: Mass Effect è un gioco di ruolo profondo in cui le scelte del giocatore hanno un'importanza fondamentale. Vero. Ma questo non rende il giocatore uno degli autori, non più di quanto il lettore di un libro game sia l'autore di quel che sta leggendo. Oppure: anche nel settore cinematografico avvengono cose simili: del Signore degli Anelli e di mille altri film esiste una versione estesa, George Lucas continua a mettere le mani su Guerre Stellari, Ridley Scott non ha avuto scrupoli nel cambiare anche di molto il senso di Blade Runner aggiungendo scenette qua e là. Vero. Ma pensate cosa vuol dire: che esista una versione “director's cut” di un film diversa da quella proposta al pubblico significa che il regista ha lasciato che si manipolasse la sua opera trasformandola in qualcosa di diverso da quello che lui davvero voleva. E' vero che capita, ma non è certo qualcosa che approviamo. E Guerre Stellari? Beh, lì il discorso è diverso, anzi, in certo modo prova quel che stiamo dicendo. Proprio le indesiderate, detestate, agghiaccianti modifiche che George Lucas, avversato in maniera unanime da tutti i suoi fan, insiste nell'effettuare sulla sua creatura dimostrano che lui, e lui solo, è l'autore. 
Insomma. Se vogliamo che i videogiochi si spingano ad essere qualcosa di più di un prodotto di consumo, se vogliamo che le parole “arte” e “cultura” possano stare nella stessa frase in cui c'è la parola “videogioco” senza che suonino ridicole, se vogliamo che prodotti ambiziosi come Mass Effect possano essere presi come sfolgorante esempio della maturità del medium, dobbiamo farlo seriamente. Anche se significa ingoiare qualche delusione. Ci rattrista profondamente che Mass Effect non sarà ricordato per la prima scena di sesso maturo e consapevole nella storia dei videogiochi, o per la sua regia senza precedenti, o per la storia, l'ambientazione e i personaggi che finalmente rivaleggiano e addirittura surclassano i kolossal di Hollywood, ma per la vittoria dei fan frignoni. Lo stesso Extended Cut, se fosse stato rilasciato normalmente -cioè a pagamento- o spontaneamente, avrebbe potuto segnare un traguardo splendido, ossia un finale in cui l'eroe è sconfitto e i cattivi trionfano, ovvero la prevalenza dell'arte sulla logica del Game Over. L'occasione è persa, e la ferita aperta brucerà ancora per molto.

Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
3
Amore
Confusione Confusione
7
Confusione
Felicità Felicità
3
Felicità
Paura Paura
1
Paura
Rabbia Rabbia
3
Rabbia
Tristezza Tristezza
6
Tristezza
Wow Wow
7
Wow
WTF WTF
10
WTF

4 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. stravero il fatto che dopo 3 episodi così epici, ed ai quali sono riusciti a farti appassionare se non affezionare ai personaggi così tanto, farlo finire in quel modo era deludente e svalorizzante…. il finale a me sembrava giusto e onesto, ma poco approfondito…. comunque ti do stra ragione che così doveva rimanere, il cambiare finale perchè alla gente non è piaciuto,credo, come è stato detto, sia un errore…. e comunque ME rimane un gioco epico 😉

  2. Il finale faceva venire il vomito. Stop. Corto. Inconcludente. Più domande che risposte. Personaggi la cui sorte era sconosciuta. Se permettete dopo cinque anni passati davanti il pc, e centinaia di ore spese voglio ritenermi soddisfatto. Non chiedo il finale idilliaco, ero pronto a vedere il sacrificio di tutti, Shepard maggiormente, ma quello a cui ho assistito dopo questo finale mi ha fatto accapponare la pelle.
    Nella storia dei videogiochi è pieno di finali includenti, o deludenti, ma non a questi a livelli… Nessuno ha frignato, la protesta era sacrosanta.

  3. Di nuovo: esprimere il proprio disappunto è lecito. Invitare la software house a migliorare il proprio lavoro è lecito. PRETENDERE che la software house faccia quello che vuoi tu e tenere il broncio in caso contrario è frignare. Anche perchè tu, Flavio, come troppi “fan” (ormai ho preso a mettere le virgolette) della Bioware fanno, ti dimentichi di anteporre “io penso che” prima di “il finale faceva venire il vomito”. So che ti piace pensare il contrario, ma la tua è un’opinione, non un fatto oggettivo. Esternala quanto ti pare, ma non puoi aspettarti che della gente lavori *gratis* per accontentare *te*. Questo è l’esatto equivalente di un bambino che frigna perchè il gelato ha solo due gusti anzichè tre. E, aggiungo, un bambino che nemmeno ringrazia quando la mamma cede e compra un altro cono, ma continua a tenere il broncio per partito preso.

Gabriele Bianchi

author-publish-post-icon
Lettore, giocatore, conoscitore di cose. Storico di formazione, insegnante di professione, divulgatore per indole. Cercatelo in fiera: è quello con la cravatta.
                   Vuoi rimanere sempre aggiornato?

            Iscriviti alla nostra                    Newsletter!

                                   Tranquillo, ti disturberemo solo
                                     una volta al mese...per ora! 👹
Mi iscrivo!
close-link
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link