I film-documentario Atari e Commodore su Prime Video

1 min


I due film di Davide E. Agosta e Tomaso Walliser The Commodore Wars. 8-Bit Generation e Easy to Learn, Hard to Master. The Fate of Atari, oltre a essere distribuiti in Dvd e sulle principali piattaforme di Digital Download, sono ora presenti nel catalogo streaming per gli iscritti ad Amazon Prime Video.

The commodore wars. 8-bit generation

Siete curiosi in merito alla storia dei computer da casa? Quale ruolo ha avuto il Commodore nel percorso evolutivo fino ad oggi?
Quando Jack Tramiel lo ha inventato negli anni ’70, pensavo a un utilizzo dei computer da parte delle masse e non solo da pochi esperti. Accelerando la rivoluzione della tecnologia del personal computer e combattendo giganti come Apple e IBM, Commodore è diventato un simbolo e ha cambiato per sempre il modo di interagire, giocare e lavorare.

Tra le varie voci e testimonianze inedite nel film ci sono Jack e Leonard Tramiel, Chuck Peddle, Al Charpentier, Bil Herd, Michael Tomczyk, Dave Rolfe, Richard Garriot, Jeff Minter, Andy Finkel, Steve Wozniak, Nigel Searle, John Grant, Nolan Bushnell, Al Alcorn, Joe Decuir e molti altri ancora.

Easy to learn, hard to master. the fate of atari

Prima dell’avvento della Silicon Valley, Apple, Yahoo e Google una società già incarnava lo stile di vita e di business dell’economia digitale: Atari. Il documentario ripercorre la storia dell’iconica società di videogiochi dal successo planetario e del fondatore Nolan Bushnell.
Questa incredibile rivoluzione è raccontata da Bil Herd attraverso interviste inedite ai suoi protagonisti: Manny Gerard, VP di Warner, e Ray Kassar, CEO di Atari.


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
7
Amore
Confusione Confusione
10
Confusione
Felicità Felicità
7
Felicità
Paura Paura
3
Paura
Rabbia Rabbia
4
Rabbia
Tristezza Tristezza
1
Tristezza
Wow Wow
5
Wow
WTF WTF
5
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Francesca Giulia La Rosa

author-publish-post-icon
Trekker, whovian. Non amo le etichette (a parte queste?). Traduttrice, editor a caccia di errori come punti neri nel tessuto della realtà. Essere me è un’esperienza profondamente imbarazzante.
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link