Il richiamo della foresta è un romanzo di Jack London pubblicato a inizio Novecento. Si tratta di uno dei classici della letteratura dell’ultimo secolo, adattato più e più volte in tanti formati differenti. L’ultima versione cinematografica arriva nelle sale italiane proprio in questi giorni, con Harrison Ford nell’iconico ruolo di Jack Thornton. Noi abbiamo visto questa pellicola in anteprima e siamo qui per parlarvene nella nostra recensione.

Di cosa parla Il richiamo della foresta?

Buck è un cane vivace e un po’ viziato che vive nella casa del giudice Miller, nel Sud degli Stati Uniti. Con la nascita della febbre dell’oro nel Klondike, si sviluppa una fortissima domanda di animali capaci di trainare le slitte sui ghiacci. Così un cittadino senza scrupoli decide di rapire Buck e venderlo a un contrabbandiere altrettanto spietato. Di qui passerà in mani sempre peggiori fino ad arrivare a quelle di Perrault, responsabile della consegna della posta sulla tratta ghiacciata.

Il rapporto con il nuovo padrone è ottimo e Buck dimostra di essere decisamente dotato per il suo compito. Piano piano guadagna il rispetto del resto della muta fino a diventarne il nuovo leader. Dopo l’inverno però dovrà dire addio a Perrault, passando per un nuovo crudele e incapace padrone, per poi arrivare a legarsi a Jack Thornton, un uomo tormentato con cui stringerà un solidissimo rapporto di amicizia.

Il racconto, similmente alla versione originale di London, procede in fasi diverse, inquadrabili a grandi linee con i diversi proprietari di Buck. Qua e là sono sparsi piccoli indizi che iniziano a preparare il terreno al rapporto che si svilupperà più avanti con Jack. Un’amicizia toccante che piano piano aiuterà l’uomo a ritrovare la propria serenità dopo il trauma che l’ha fatto fuggire a Nord portandolo fino al finale del film.

Quello che viene costruito in maniera meno solida è il richiamo della foresta vero e proprio. Sono pochi gli accenni a questa idea e quasi mai davvero marcati, comportando un’accelerazione nel finale. L’evoluzione del personaggio si percepisce comunque, ma forse avrebbe potuto essere di maggiore impatto con uno sviluppo più curato e costante.

Non abbiamo sentito il richiamo della foresta

il richiamo della foresta harrison ford jack londonUno dei momenti che avrebbe potuto aiutare moltissimo in questo senso è la presa del potere di Buck sulla muta di Perrault. Una scena che è assolutamente emozionante a cui assistere, ma che risulta indebolita dal fatto che le sue conseguenze siano lasciate un po’ in sospeso. È come una frase senza il punto finale: chi la vede può completare facilmente, ma quell’assenza la rende troppo aperta. Andrebbe invece chiusa in maniera più decisa, così come almeno un’altra sequenza.

Superati questi problemi, a conti fatti non tragicamente dannosi per l’economia del film, bisogna affrontare la questione della CGI. Il protagonista Buck (e non solo lui) infatti è realizzato in computer grafica interamente e questo rende la visione difficoltosa.

Spesso infatti questo aspetto è piuttosto evidente nei movimenti del cane e si può facilmente notare come sia sovraimposto al resto dell’ambiente. Il character design inoltre, pur restando in ambito totalmente realistico, ha degli elementi vagamente cartooneschi. Non molti e non troppo evidenti, ma sufficienti a distrarre durante la visione.

Quindi tutto male per questo Il richiamo della foresta? No, non sarebbe giusto. Bisogna infatti ammettere che dopo l’impatto iniziale la CGI non è più così fastidiosa. Che sia per un’abituarsi dello spettatore o per un effettivo miglioramento è difficile dirlo, ma resta che piano piano inizieremo ad affezionarci a questo Buck.

Inoltre, tolto qualche problema come quelli citati qui sopra, la storia nel complesso si regge e riesce a fare appassionare. Unito a un paio di scene davvero emozionanti, soprattutto durante le corse in slitta e una buona performance di Harrison Ford, il film riesce a fare il suo dovere, anche se non va oltre questo.

Pareri finali

il richiamo della foresta harrison ford jack londonFatte tutte le dovute valutazioni, Il richiamo della foresta risulta una pellicola piacevole, che riesce a farci capire il perché la storia di Jack London sia riuscita a diventare un classico della letteratura americana. L’impressione è quella di assistere a un’ombra, una versione depotenziata di quel racconto, ma resta comunque una visione apprezzabile. Insomma, un adattamento semplice che lima e modifica solo il necessario, per portare a casa il proprio risultato e lì si ferma. Un film che potrà piacere a un pubblico bendisposto (soprattutto se amanti dei cani) ma che non sarà ricordato a lungo.


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
4
Amore
Confusione Confusione
9
Confusione
Felicità Felicità
9
Felicità
Paura Paura
4
Paura
Rabbia Rabbia
4
Rabbia
Tristezza Tristezza
10
Tristezza
Wow Wow
7
Wow
WTF WTF
1
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mattia Chiappani

author-publish-post-icon
Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.
                   Vuoi rimanere sempre aggiornato?

            Iscriviti alla nostra                    Newsletter!

                                   Tranquillo, ti disturberemo solo
                                     una volta al mese...per ora! 👹
Mi iscrivo!
close-link