Nel 2017 un fulmine ha colpito il mondo del cinema. È  arrivato nelle sale Jumanji – Benvenuti nella giungla, sequel del cult del 1995, e a sorpresa è riuscito a conquistare la critica e soprattutto il pubblico, arrivando a sfiorare il miliardo di dollari di incasso. Chiaramente si apre subito la porta a un sequel e due anni dopo, eccolo qui. Proprio oggi infatti fa il proprio debutto italiano Jumanji – The Next Level, che riporta i protagonisti nel mondo del (video)gioco. Com’è andata? Potrebbe essere la scelta ideale per un bel giretto al cinema per digerire le abbuffate del 25? Scopriamolo insieme nella nostra recensione!

Jumanji – The Next Level, ritorno all’avventura

jumanji the next level recensione dwayne johnson kevin hartÈ passato diverso tempo dagli eventi del film precedente e i ragazzi protagonisti ancora sono molto amici. Spencer tuttavia si sta allontanando sempre di più e soffre per una vita che non è quella che desiderava. Decide quindi di riparare il videogioco (distrutto proprio per evitare che qualcuno ne fosse nuovamente vittima) e tornare a vestire i rocciosi panni del Dr. Bravestone.

Quando gli amici accorrono a cercare il ragazzo scoprono che qualcosa non ha funzionato nella riparazione e immediatamente si trovano di nuovo nella giungla. Insieme a loro ci sono anche il nonno di Spencer e il suo ex-migliore amico, trascinati dal gioco. Il team si troverà ad affrontare un nuovo livello di Jumanji, per cercare di portare a casa l’amico, sperduto in questo mondo pieno di pericoli.

Quello che vediamo con Jumanji – The Next Level è un tentativo di recuperare la magia del film precedente, capace di catturare il pubblico. Per farlo, si decide di andare sul sicuro, ricalcando molto da vicino la formula originale e inserendo qualche novità qua e là. Queste però sono per la maggior parte aggiunte minime, necessarie per smuovere il racconto, spesso in maniera piuttosto abbozzata.

Un esempio chiaro sono le nuove caratteristiche dei personaggi che già conosciamo. Gli eroi avranno abilità o debolezze aggiuntive, che però a conti fatti non avranno una vera influenza sul loro sviluppo, né sulla trama generale. Quasi sempre saranno chiave in un’unica sequenza, senza impatto sul film nel suo complesso, e in alcuni casi anche in maniera decisamente forzata.

Soffiare via la polvere, ma non di più

jumanji the next level recensione dwayne johnson kevin hart

Probabilmente non citeremmo la questione se il problema fosse limitato alle nuove caratteristiche dei personaggi. La verità però è che questa sensazione di una sceneggiatura scritta senza troppo impegno vale per gran parte di Jumanji – The Next Level. Gli eventi sono quasi sempre utili solamente al livello narrativo, senza pensare effettivamente allo sviluppo dei personaggi.

Se nel film precedente ritrovarsi nei bizzarri panni dei diversi eroi aveva cambiato l’approccio alla vita dei diversi ragazzi, qui non c’è un’evoluzione così marcata. I protagonisti cercano di sopravvivere al gioco, trascinandosi lentamente verso la fine. Il risultato è che (con una notevole eccezione) quasi tutti gli archi narrativi si concludono in maniera decisamente debole e improvvisa.

Fanno da contraltare a tutto questo le interpretazioni del cast, che si conferma ottimo per i rispettivi ruoli. La chimica tra Hart e Johnson è eccezionale come sempre, sebbene risultino fin troppo caricaturali nell’interpretare degli anziani (soprattutto nei minuti iniziali). Insieme a loro troviamo anche alcuni volti nuovi, come quelli di Awkwafina, DeVito e Glover, tutti capaci di dare un buon contributo alla pellicola.

Particolarmente apprezzata la performance di Rory McCann, l’ex-Mastino di Game of Thrones, che pur con uno screen time piuttosto ridotto riesce a regalare un villain decisamente più carismatico di quello del capitolo precedente.

Da sottolineare che, nonostante i difetti nell’impalcatura generale di cui abbiamo largamente parlato, determinate scene di Jumanji – The Next Level, prese singolarmente, sono assolutamente capaci di divertire. Tra alcune idee azzeccate e l’aiuto del cast, ci saranno momenti in cui ridere di gusto ed è un fattore da non sottovalutare.

Jumanji – The Next Level, il parere finale

jumanji the next level recensione dwayne johnson kevin hart

Per concludere, Jumanji – The Next Level è semplicemente un more of the same, realizzato senza troppa cura, né desiderio di andare oltre. Una pellicola che sicuramente può divertire, soprattutto chi ha apprezzato il film precedente, ma che non fa nessuno sforzo aggiuntivo. Restando nella metafora videoludica, è come se fosse un DLC dei più semplici, che aggiunge qualche personaggio, qualche nuova sfida, ma tutto restando nei caldo abbraccio dei confini del gioco principale. Dato che i piani sono quelli di creare un ‘nuovo’ (o quasi) franchise, forse sarebbe stato il caso di costruire qualcosa di più elaborato.


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
0
Amore
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Paura Paura
0
Paura
Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF

One Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. COME HO RITORNATO IL MIO MARITO EX EX DOPO IL ROTTURA.

    Mi chiamo Jenny, dopo un anno di matrimonio spezzato, il mio amante mi ha lasciato con un bambino, mi è venuta voglia di finire la mia vita, mi sono quasi suicidato perché non ci ha lasciato e non è andato con un’altra donna, ero emotivamente giù per tutto questo mentre. Grazie a un incantatore chiamato Dr Sallam, ho visto il suo contatto su Internet. In un giorno fedele, mentre stavo navigando su Internet, mi sono imbattuto in diverse testimonianze sul dottor Sallam, quindi l’ho contattato per aiuto e con una grande sorpresa ha riportato mio marito entro 24 ore con i suoi poteri. Alcune persone hanno testimoniato che ripristina l’utero, cura il cancro e altre malattie e mi aiuta a ripristinare il mio matrimonio grazie, dottor Sallam. Puoi contattarlo su: [email protected] O WhatsApp +27748693869. È il miglior incantatore che può aiutarti con i tuoi problemi

Mattia Chiappani

author-publish-post-icon
Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.