fbpx
Senza categoria

La presunta trama dei Fantastici 4 non ha nulla di fantastico.

Negli ultimi giorni è cominciato a girare, su siti come 4chan, superherohype.com e reddit quello che sembra essere (o è stato spacciato per) l'intero soggetto del nuovo reboot de I Fantastici Quattro. Non sarebbe la prima volta che qualcosa trapela dal set del regista Josh Trank: immagini della Cosa e di Dottor Destino se ne sono andate a spasso per la rete neanche molto tempo fa e quindi potrebbe essere possibile che la trama del film, con tanto di dettagli, sia stata diffusa in rete.

Ma diamo un'occhiata a questo presunto superspoiler. Non siamo certi che sia la vera e propria trama del film, ma se non volete correre rischi, fermatevi qui.
Reed è un genio che lavora in un convenience store con il suo amico Ben. I suoi genitori non gli dedicano attenzione e il padre di Ben ha atteggiamenti di abuso e violenza. Sono grandi amici e si guardano le spalle l'un l'altro. Reed scrive, per il community college, un saggio sul teletrasporto che attira l'attenzione del dottor Franklin Storm, CEO del Baxter Building Reserch Center.

Il dott. Storm ha due figli: Johnny e Sue. Il padre di quest'ultima era un compagno di ricerche di Storm morto in un incidente di laboratorio.
Johnny e Sue sono due festaioli e Sue ha un profondo odio per la scienza, cosa che inizialmente non la fa andare d'accordo con Reed.

Victor Doomashev viene dall'Europa dell' est, è un programmatore dalla personalità antisociale ed è anche un hacker attivista che firma le sue scorribande informatiche con il nome di "Doom". La sua attività si concentra in particolar modo nell'ostacolare i progetti del dott. Storm che secondo lui ha la colpa di utilizzare la scienza solo a scopo di profitto.

Il dottor Storm utilizza il saggio di Reed per completare alcune equazioni per il funzionamento di una macchina in grado di aprire una porta per un'altra dimensione, la "N-Zone". Reed invita l'amico Ben ad assistere al momento di avvio della macchina e anche Johnny e Sue sono presenti.
Doom tramite un attacco informatico al Baxter Building riesce a infettare i server con un virus, causando un malfunzionamento dei macchinari, che esplodono inondando Reed, Ben, Sue e Johnny con energia proveniente da un altro mondo. I quattro iniziano così a sviluppare poteri che non sono in grado di controllare.

Il dott. Storm crea quindi delle tute contenitive che li aiutino a governare le loro capacità e così imparano un po' alla volta a controllarsi. Reed e Storm iniziano a studiare un modo per invertire il processo iniziato con l'incidente. Sue incolpa Reed di tutto, ma a poco a poco diventano prima amici e poi una coppia.
Ben è in grado di disattivare il proprio potere quando non si trova in pericolo, Johnny cambia colore a seconda dell'intensità del calore e Sue ha poteri telecinetici. Reed mantiene le caratteristiche "classiche".



Doom scopre che i quattro hanno ottenuto dei super-poteri e, in preda all'invidia, si introduce nel Baxter Building per cercare di accedere alla N-Zone tramite la macchina di Storm, parzialmente ricostruita da Reed. Come diversivo, Victor utilizza dei droni militari rubati, ribattezzati "doombots" che attaccano l'edificio. I quattro protagonisti si trovano quindi per la prima volta a cooperare per salvare delle vite

Doom ottiene il potere di farsi obbedire dalle macchine e di lanciare scariche di energia. Inizia lo scontro con il quartetto. La macchina di Storm e Reed minaccia di raggiungere il punto critico e mentre  i quattro protagonisti contengono l'energia, Storm cerca di spegnerla per prevenire la distruzione della città.
Per contenere la massa critica i quattro dovranno entrare nel portale della N-Zone, dove si scontreranno ancora con Doom, il quale resterà intrappolato nell'altra dimensione, sfigurato dall'accumulo di troppo potere. Nella battaglie e nel cercare di fuggire prima che il portale si chiuda, Ben perde la capacità di disattivare il proprio potere.

Alla fine la macchina viene distrutta, Doom è perduto, i quattro imparano a lavorare come un team e Reed giura di trovare una cura per Ben.
Che dire? Se davvero questa fosse la trama del film (non ci sono ancora smentite ufficiali), si discosta molto dalle vere origini de I Fantastici Quattro, ma in fondo lo sapevamo. La cosa che ci ha lasciato più perplessi è la figura del Dottor Destino (un vero colpo al cuore) Come diciamo sempre: non si può valutare un film prima di averlo visto, tuttavia si può esserne poco convinti fin da l'inizio. No? E voi? Diteci che ne pensate!

7 Commenti

  1. Se la trama fosse veramente questa sarebbe piuttosto triste.
    Comunque non ho capito la frase: “Il dott. Storm ha due figli: Johnny e Sue. Il padre di quest’ultima era un compagno di ricerche di Storm morto in un incidente di laboratorio.”
    Ma il padre di Sue non è il dott. Storm?

  2. Se fosse la trama effettiva ci sarebbero troppe cose a non convincermi (cambiamenti eccessivi inutili ai poteri e Doom che perde non solo le sue origini e il suo nome, ma anche ogni minima traccia del suo fascino diventando uno dei tanti estremisti della rete).

  3. Ogni regista, sceneggiatore e/o pubblicitario che si rispetti sa che un prodotto (legger film in questo caso) per essere venduto (visto) deve essere desiderato dai consumatori (spettatori) e che se anche ancora non lo desiderano, si deve lavorare in modo da farglielo desiderare. Che cosa voglio dire con ciò? Semplice. Ogni film che sia mai stato dato al cinema dal cortometraggio della celeberrima locomotiva, passando per “The Maltese Falcon” fino ad arrivare a “Avengers: Age of Ultron”, specialmente se di successo ( o promettenti) come quelli citati hanno contato sulle medesima cosa: un organizzazione promozionale ottimale. Passando per il ragazzino all’angolo dell’affollatissima via parigina che urla al miracolo della tecnica, finendo con i trailer coinvolgenti e spettacolari. La pellicola dei F4 sta dimenticando del tutto questo passaggio. La pubblicità che si sta facendo è pessima e quello che sta facendo per controbilanciarla è ancora peggio, considerando tutte quelle maldestre interviste agli attori infarcite di possibili spoiler. Infine questa trama sarebbe il colpo di grazia, evitando di parlare di quanto scadente sia l’idea riguardo al “come” riscrivere i Fantastici Quattro, dato che di quello se ne è giò parlato tanto, io chiedo chi è lo sceneggiatore, il regista e il produttore che leggendo solo una trama come questa, magari rendendosi solo dopo conto del titolo, ha detto: >. La promozione è impossibile! Come fai a promuovere un film dove non sono i buoni sembrano avere un background stile serie tv per ragazzi anni ’80 (quelle brutte), ma il cattivo è qualcosa di sinceramente imbarazzante. Come si dovrebbe riuscire a far apparire un Victor “Doomashev” pericoloso allo spettatore che ne assaggia un po’ del carattere e della storia in un trailer da, diciamo, 39 o 60 secondi? Non puoi nemmeno pubblicizzare solamente la sua versione finale, perchè non solo non è questo granchè, ma perchè comunque i primi spettatori che andranno a vedere il film scoprono subito l’impiccio e questo certo non migliorerà la situazione del film sul mercato cinematografico. Un film, come qualsiasi altro prodotto, è fatto PRINCIPALMENTE affinchè venga venduto, ma questo film non ha possibilità di lucro. Perchè produrlo così male? Perchè non volersi neanche sforzare di scrivere qualcosa di decente e, se non più fedele alla fonte originale, almeno più fantasioso? Come si fa a produrre un film, facente parte di un brand e un franchise, senza pensare neanche minimente a sfruttarlo decentemente o almeno a considerarlo come punto di partenza? Chi pensano andrebbe a vedere una pellicola con una trama così? Non gli appasionati dei FF e certamente non lo spettatore medio, ma allora chi?! Mi sembra follia. Ma non lo è, già lo so. Questa non è follia…. questa. E’… LA TWENTIETH CENTURY FOX!!

  4. Davide, una delle poche cose ‘certe’ di questo film è che uno dei fratelli Storm sia stato adottato. Evidentemente si tratta di Susan, il cui padre naturale sarebbe perito in questo incidente e che evidentemente ha perso anche sua madre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker