La Regina Degli Scacchi

La Regina degli Scacchi è la miniserie Netflix più vista di sempre
Numeri straordinari per la serie che vede protagonista Anya Taylor-Joy

1 min


Netflix riferisce che la sua miniserie La Regina degli Scacchi ha totalizzato 62 milioni di visualizzazioni. Un risultato questo che l’ha resa la serie limitata più vista fino ad oggi sulla piattaforma streaming nei suoi primi 28 giorni. Lo spettacolo è entrato nella Top 10 in 92 paesi e al primo posto in 63 paesi, tra cui Regno Unito, Argentina, Israele e Sud Africa. La serie di sette episodi di Scott Frank ha debuttato sullo streamer il 23 ottobre. Peter Friedlander, VP di Netflix Original Series, ha reso noti i dettagli sul successo della serie limitata in un post sul blog di oggi. “Tre anni fa, quando Scott Frank (Godless) ci ha contattato per la prima volta per adattare La Regina degli Scacchi – il libro di Walter Tevis del 1983 su un giovane prodigio degli scacchi – abbiamo pensato che fosse una storia avvincente”.

Peter Fredlander commenta il successo

Peter Fredlander ha aggiunto: “Beth è una perdente che affronta la dipendenza, la perdita e l’abbandono. Il suo successo – contro ogni previsione – parla dell’importanza della perseveranza, della famiglia e del trovare te stesso e rimanere fedele”. Ma: “Tuttavia, non credo che nessuno di noi avrebbe potuto prevedere che La Regina degli Scacchi – e la straordinaria Anya Taylor-Joy– sarebbero diventati i fenomeni globali che sono oggi, o la nostra più grande serie limitata mai scritta”. 

La Regina degli Scacchi segue Beth Harmon, un orfana prodigio degli scacchi che impara il gioco dal custode del suo orfanotrofio interpretato da Bill Camp. Contro ogni previsione tra la fine degli anni ’50 e gli anni ’60, è passata da campionessa statale del Kentucky ad affrontare i più grandi campioni di scacchi russi al mondo. Durante il suo viaggio combatte una dipendenza dai tranquillanti forniti dallo Stato come sedativo per i bambini. Perseguitata dai suoi demoni personali e alimentata da un cocktail di narcotici e ossessione, Beth si trasforma in un’emarginata straordinariamente abile e affascinante. Determinata a conquistare i confini tradizionali stabiliti nel mondo degli scacchi competitivi dominato dagli uomini.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"