fbpx
Cultura e SocietàLifestyleSenza categoria

La villa di Stephen King non diventerà un museo

Ospiterà un luogo di ritiro per scrittori, la fondazione di beneficenza e l'archivio di King

L’abitazione di Stephen King, luogo di pellegrinaggio per molti lettori, non diventerà un museo. Quanto riportato da alcune testate online non è corretto. O almeno lo è soltanto in parte. In un post su Facebook – e sul sito ufficiale – Stephen King ha voluto chiarire l’intera questione.

There's been a lot of recent press — and some misinformation — about what's going on with the house at 47 West…

Gepostet von Stephen King am Freitag, 18. Oktober 2019

La storica dimora dello scrittore è situata a Bangor, nel Maine, all’indirizzo 47 W Broadway. Assieme all’edificio del civico 39, la maestosa costruzione diventerà sede della fondazione no-profit dei coniugi King, nonché dell’archivio personale dello scrittore, al momento collocato presso l’Università del Maine. Per accedere al materiale presente in esso (foto, bozze, inediti) sarà ancora necessaria un’autorizzazione che soltanto studenti e ricercatori potranno richiedere.

Ecco una foto della casa:

stephen-king-house-1

La maestosa proprietà avrà anche un altro utilizzo: parte della costruzione diventerà infatti un luogo di ritiro per scrittori. Potrà ospitare al massimo cinque persone alla volta. Come sottolinea King stesso, There will not be a museum and nothing will be open to the public. Non ci sarà alcun museo e nessuno dei nuovi progetti sarà aperto al pubblico. Il Consiglio Comunale di Bangor ha approvato la richiesta dei coniugi King all’unanimità.

Lo scrittore

Stephen King è uno scrittore statunitense nato nel 1947 a Portland. Dal suo romanzo d’esordio Carrie, risalente al 1974, il regista Brian De Palma ha tratto il film cult Carrie – Lo sguardo di Satana. Tra le opere più famose dello scrittore troviamo Shining, Il Miglio Verde, It, Pet Sematary e 22/11/’63.

Il suo ultimo romanzo si intitola L’istituto ed è pubblicato in Italia da Sperling & Kupfer con la traduzione di Luca Briasco. Narra di un gruppo di bambini imprigionati in un edificio governativo segreto nel quale vengono costretti a sottoporsi a una serie di esperimenti misteriosi. Tra telecinesi e telepatia, il protagonista Luke Ellis dovrà trovare un modo per fuggire e rivelare al mondo intero dell’esistenza dell’istituto.

Fonte
Lilja's Library
Tags

Nicolò Monti

Lettore e gran bevitore di caffè, rigorosamente non zuccherato. Appassionato di storie ambientate in Scandinavia e in Islanda. Divoratore di musica nel tempo libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker