Per chi non lo conoscesse, Vampiri: La Masquerade è un gioco di ruolo per adulti (a causa delle forti tematiche trattate) di ambientazione horror, in cui i personaggi interpretano dei vampiri nel mondo moderno. La Masquerade del titolo è una legge quasi universale per la società vampirica: evitare di farsi scoprire dai mortali. I non morti l’hanno imparato nel Medioevo, quando l’Inquisizione si prodigava a dare la caccia al demonio in ogni sua forma: molti vampiri furono scoperti e morirono sul rogo. Da allora si tengono ben nascosti dalla società mortale. Se non sarà un cacciatore ad uccidere gli incauti personaggi dei giocatori, ci penseranno i loro superiori per essere stati tanto stupidi da violare la Masquerade.

Nosferatu

Vampiri: La Masquerade (abbreviato in VtM) è stato un gioco di ruolo meno famoso di giganti come Dungeons & Dragons, ma che ha lasciato un duraturo impatto in chi l’ha giocato: riunioni di gioco live (o LARP che dir si voglia) avvengono ancora oggi e la sua vecchia incarnazione videoludica, Vampire The Masquerade: Bloodlines (2004), viene tuttora aggiornata con patch e mod non ufficiali create da fan accaniti.

Vampiri: La Masquerade è stato sviluppato nel 1991 dalla White Wolf. L’edizione più famosa è la cosiddetta 3° edizione (in realtà revisione della 2°, ma la chiameremo 3° per comodità), pubblicata dal 1998 al 2004. Sempre nel 2004 la White Wolf ricreò l’ambientazione con Vampiri: il Requiem. Dal 2012 la gestione del franchise è affidata alla Onyx Path Publishing, mentre nel 2015 la White Wolf è stata acquisita dalla Paradox Interactive. La Paradox ha poi stipulato un accordo con la Modiphius: ci si trova ora nell’ambigua situazione in cui sia la Onyx che la Modiphius hanno in progetto di pubblicare nuovo materiale. È nel 2018 che Vampiri: La Masquerade si ripresenta nel mondo dei giocatori di ruolo con la 5° edizione.
Racconteremo di questa ambientazione, sia per chi non si è mai approcciato a VtM, sia per vecchi giocatori che l’hanno abbandonato con l’uscita de Il Requiem. Considereremo pochissimo quest’ultimo perché la 5° edizione si riallaccia direttamente alla 3°, prendendo poco (o nulla) dal Requiem.

Prima, però, un’ultima premessa. Vampiri: La Masquerade fa parte di un’ambientazione più grande, chiamata World of Darkness (Mondo di Tenebra). Si tratta di una realtà parallela simile alla nostra, ma più oscura e pericolosa. La White Wolf ha pubblicato molti altri manuali oltre a quelli di VtM: nel Mondo di Tenebra esistono Licantropi, Maghi, Spettri, Mutaforma, Demoni, Mummie e molto altro. Purtroppo in italiano sono disponibili solo i manuali della White Wolf sui Vampiri e sui Licantropi. La Onyx Path Publishing ha ri-pubblicato alcuni di questi libri. Contando anche l’uscita di videogiochi come Vampire: the Masquerade – Coteries of New York (videogioco in stile narrativo uscito per ora solo su Steam e per Switch, ma presto disponibile anche sulle altre console) o l’attesissimo Vampire the Masquerade: Bloodlines 2 sembra che ci siano grandi progetti per il franchise e potete stare certi che noi di Orgoglio Nerd vi terremo informati sui futuri sviluppi.

Ciò detto, iniziamo a spiegare l’ambientazione di Vampiri: La Masquerade, poi proseguiremo col vedere cosa è cambiato nel Mondo di Tenebra con la 5° edizione (ma non parleremo di regole), infine spenderemo qualche parola sui vari clan (o famiglie) di vampiri e sui principali gruppi politici della società dei vampiri.


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
3
Amore
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
2
Felicità
Paura Paura
0
Paura
Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
2
Wow
WTF WTF
0
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Francesco Briola

author-publish-post-icon
Videogiocatore di vecchia data, estimatore di serie d'animazione e film, divoratore di documentari. Parafrasando Sin City, "ha avuto la sfortuna di nascere nel secolo sbagliato": per lui le automobili sono carrozze senza cavalli e sostiene che una spada sia mille volte più affascinante di una qualunque arma da fuoco. Schivo e riservato, è ancora a disagio nel rileggere queste tre righe.