fbpx
FeaturedIntrattenimento

Le Storie di Guerra di Garth Ennis, racconti di atrocità e riflessione

SaldaPress pubblica in ordine cronologico i racconti bellici dello sceneggiatore britannico

Il 20° secolo è passato alla storia come un periodo di sviluppo tecnologico stupefacente, di scoperte scientifiche capaci di rivoluzionare le nostre vite e di grandi traguardi per l’intero genere umano. D’altra parte sono stati anni di atrocità senza precedenti, un periodo di continui conflitti in cui la popolazione civile divenne direttamente parte delle ostilità. Se i due Conflitti Mondiali sono le guerre di cui conosciamo il maggior numero di particolari, molte altre sono state le battaglie che hanno dilaniato il secolo da poco concluso.

All’inizio del nuovo millennio Garth Ennis decise di narrare alcuni fra i conflitti più sanguinosi attraverso le sue Storie di Guerra, una serie di racconti il cui filo conduttore sono appunto i conflitti visti con gli occhi dei protagonisti. Storie che saldaPress ha deciso di pubblicare in una speciale collana, interamente dedicata allo scrittore nord irlandese. Presentate per la prima volta in ordine cronologico, Le Storie di Guerra di Ennis ci porteranno a vivere la Guerra civile spagnola, a combattere nel Secondo Conflitto Mondiale in tutta la sua atrocità per concludersi durante la guerra del Kippur.

Una collana composta da 8 volumi, presentati a cadenza bimestrale, ognuno dei quali arricchito da appendici di approfondimento sui conflitti trattati. Una cura editoriale che impreziosisce e aumenta il valore dei racconti, che anche singolarmente rappresentano perfettamente le atrocità degli scontri.

Condor

Il primo volume è intitolato 1939-40: Spagna/Inghilterra e, come anche i volumi successivi, si concentrerà sugli anni e le nazioni citate. Un periodo di tensioni e scontri in tutta Europa, agli albori di una Guerra che passerà alla storia ma della quale non si era realmente consci della futura gravità. Verremo catapultati al centro della Guerra civile spagnola, conflitto che è servito per saggiare tattiche, armamenti e motivazioni degli eserciti in previsione della Seconda Guerra Mondiale, che solo pochi mesi dopo avrebbe cambiato irrimediabilmente il mondo.

Condor è un racconto che ci porta al centro del conflitto, proprio dentro una voragine creata da un’esplosione. Al suo interno quattro soldati appartenenti a schieramenti differenti dovranno deporre le armi in attesa di trovare una via di fuga. Un incipit che potrà risultare non particolarmente innovativo, quello della convivenza forzata, il quale però viene sfruttato da Ennis per analizzare la guerra e le sue conseguenze da diversi punti di vista.

Racconto riflessivo, Condor, grazie al quale poter sviscerare ideologie e velleità degli uomini, le convinzioni tradite e la presa di coscienza delle atrocità commesse nei confronti degli avversari.
La realizzazione, forse per la prima volta nelle vite dei protagonisti, che dall’altra parte dello schieramento ci sono persone con sogni e speranze di una vita migliore. Soldati e sopratutto civili coinvolti in una guerra di cui non si sentono realmente parte e della quale non riescono a comprenderne la reale portata.

Lo squadrone dei Vampiri

La seconda parte del volume avrà invece come protagonista la R.A.F., Royal Air Force, emblematica forza aerea del Regno Unito. Un racconto di più ampio respiro rispetto al precedente, suddiviso in quattro capitoli, lungo il quale seguiremo gli eroi dell’aria britannici opporsi all’iniziale supremazia della Luftwaffe, letteralmente l’Arma dell’aria tedesca.

Una guerra che, così come a terra, anche nei cieli logorò lo spirito delle truppe, le quali però grazie all’avanzamento tecnologico e ad un grande apporto da parte delle colonie britanniche, furono in grado di resistere. Una storia collettiva quella degli eroi dei cieli, meno incisiva rispetto alla precedente anche per via dei disegni di Tomas Aira: puliti ed incerti nelle scene a terra, riescono a cambiare passo solo nel momento in cui entrano in scena i velivoli. Un livello differente rispetto al ruvido stile di Carlos Ezquerra che in Condor è in grado di catturare e riproporre su carta le orribili atmosfere del conflitto.

Questo è solo l’inizio

Le Storie di Guerra di Garth Ennis è una collana imperdibile per ogni fan dello sceneggiatore, grazie a tematiche in cui eccelle in maestria. Non è un caso se alcune fra le storie più iconiche di Frank Castle, alias The Punisher, siano proprio quelle che Ennis ha ambientato in Vietnam.

Una raccolta ricolma di significato che sin dalla sua prima uscita saprà catturarvi e, anche per merito dell’accurato lavoro di appendice e ai consigli bibliografici del team saldaPress, saprà invogliarvi ad approfondire i diversi temi trattati.

Tags

Mattia De Poi

Anche conosciuto come Il Nini, Mattia è il lato gioioso di Orgoglio Nerd.Biondo e curioso, è appassionato di ogni genere fumettistico, Gunpla e avventure. Portatelo in viaggio, all'organizzazione ci penserà lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker