fbpx
Cultura e SocietàIntrattenimento

Lettori Young il programma su LaF

Dalle letture di oggi agli adulti di domani

Da mercoledì 3 aprile alle 21:10 andrà in onda in prima TV assoluta il nuovo programma Lettori Young su laF (Sky 135), con 60 partecipanti dai 9 ai 20 anni per parlare dei loro libri preferiti e di come stiano toccando la loro vita, umana e professionale accompagnandoli nella crescita.
Lettori Young ci dà un quadro di come sia la fascia dei lettori più forti del nostro Paese (nel 2018 composta per il 91% dai bambini dai 4 ai 9 anni, per l’88% invece dai 10 ai 14enni) sottolineando l’importanza dell’editoria dedicata ai bambini e ai ragazzi.
LaF – di Feltrinelli – nel 2016 ha iniziato un progetto per tratteggiare un quadro mediatico della lettura in Italia: dopo “Lettori – I libri di una vita”, “Lettori Celebrity” e lo speciale “Lettori ‘68”, arriviamo all’ultima (e nuova) tappa il 03 aprile.

I 60 ragazzi e bambini, di provenienze, gusti e hobby diversi, sono tutti accomunati dall’amore per la lettura di ogni genere: dal fantasy come Harry Potter alle biografie di personaggi che possono ispirare a grandi cose come Bebe Vio e Gianmarco Tamberi, dai fumetti come Spider-Man ai romanzi d’amore di Nicholas Sparks, dai grandi classici di Omero, Dante e Ludovico Ariosto ai bestseller di oggi come L’amica geniale.
Ogni settimana ci sarà un appuntamento con 6 storie di giovani lettori. Il primo appuntamento di mercoledì 3 aprile vedrà protagonisti Alessandra, appassionata di gialli, Gabriel. che vorrebbe diventare uno sviluppatore di software per treni, Carlotta, che trova sostegno nella Divina Commedia, Beatrice che invece ha trovato ispirazione nella determinazione di Peggy Guggenheim, Pietro, che riesce a lasciarsi alle spalle il bullismo subìto grazie ad Alessandro Magno, e Francesca, che grazie a libri come “Il bosco del grande Olmo” si è interessata al rapporto tra l’uomo, l’ambiente e la tecnologia.

Il programma oltre che su laF (Sky 135) sarà disponibile anche su Sky Go e Sky on Demand.

Tags

Francesca Giulia La Rosa

Trekker, whovian, whedonian. Non amo le etichette (a parte queste tre). Traduttrice, editor a caccia di errori come fossero punti neri nel tessuto della realtà. A volte, trovo essere me un’esperienza profondamente imbarazzante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker