Intrattenimento

Lilli e il Vagabondo, il live action sulla nuovissima piattaforma Disney+

Un primo sguardo al film

Lilli e il Vagabondo uscirà su Disney+. Ma andiamo per ordine; Anche la Disney, abituata ormai dalla sua nascita a rivolgersi per la maggior parte ad un pubblico giovane, ha sentito la necessità di aggiornarsi e di creare Disney+, un nuovo servizio digitale che permette la visione in streaming di tutti i prodotti targati Disney. In questa piattaforma verrà distribuito il suo primo live action contemporaneo che non approderà nelle sale cinematografiche: Lilli e il Vagabondo.

Lilli e il Vagabondo con fior fior di doppiatori

Dopo Alice in Wonderland, Cenerentola, La Bella e la Bestia, Il Libro della Giungla, Dumbo e gli imminenti Il Re Leone, Aladdin, Mulan e Pinocchio, la Disney ha deciso di proseguire la saga di live action con un classico intramontabile: Lilli e il Vagabondo.

Il film, diretto da Charlie Bean (LEGO Ninjago) rimarrà fedele alla storia d’amore ispirata al racconto di Ward Greene e raccontata dal cartone del 1955, in cui Biagio, il simpatico cane randagio fa scoprire il mondo alla sua amata Lilli, cagnolina domestica conosciuta per caso. A dare la voce ai vari personaggi della storia, un cast di prima scelta; Tessa Thompson (Avengers: Endgame; Man in Black: International) e Justin Theroux (Zoolander; Star Wars: Gli ultimi Jedi) saranno rispettivamente le voci di Lilli e Biagio. Il doppiaggio di Jackie, la cagnolina scottish terrier amica di Lilli, sarà affidato invece a Ashley Jensen (The Office; The Lobster).

Benedict Wong (Kick-ass 2; Doctor Strange) sarà invece la voce di Bull, l’amico di Biagio, mentre la cagnolina Gilda verrà affidata alla cantante popstar Janelle Monàe (Benvenuti a Marwen).

A rappresentare la parte umana del film, ossia i padroni di Lilli, saranno Kiersey Clemons (Cattivi vicini 2) e Thomas Mann (non lo scrittore tedesco premio Nobel del ’29, che poco c’entra in questa storia, ma l’omonimo attore di Fargo).

Il film sarà il primo Live action della Disney a non debuttare al cinema, appunto per rendere più accativante e promuovere la grande novità di Disney+.

Tags

Enrico Natalini

il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker