fbpx
FeaturedIntrattenimento

Mass Effect e l’estetica della fantascienza contemporanea

La saga spaziale Bioware ha fatto scuola: ecco 5 esempi di opere ispirate al look di Mass Effect

MARVEL CINEMATIC UNIVERSE

Inseriamo in un’unica posizione l’intero MCU per praticità. La genesi di questo articolo è stata la prima visione del trailer di Endgame: la scena degli Avengers che camminano stoicamente, vestiti delle loro nuove tutine bianche ipertecnologiche ci ha fatto subito balzare in mente lo stile inconfondibile delle corazze che Shepard indossa in tutta la trilogia. Dobbiamo ripeterci: non stiamo dicendo che Mass Effect abbia inventato il concetto di corazza tecnologica fatta a placche. Diciamo solo che il look delle armature degli Avengers di Engame ci ha fatto istintivamente, immediatamente, ineluttabilmente (cit.) tornare alle atmosfere della galassia Bioware.

Quest’ultimo esempio è solo l’ultimo di una serie, però: più recentemente è stato Ant-man and the Wasp ad averci triggerato ricordi legati a Mass Effect. E’ impossibile infatti guardare la tuta di Ava Starr, il Fantasma, senza pensare ad un mix fra il vestito di Tali e, nuovamente, le corazze dei soldati di Cerberus.

E infine, tornando ancora più indietro nel tempo, in Guardians of the Galaxy abbiamo una piacevolissima visuale di Xandar, con i suoi giardini panoramici, camminamenti ariosi, bianchi, splendenti e pulitissimi, che, come nel caso della stazione di Elysium, hanno un distinto sentore di Cittadella.

Pagina precedente 1 2 3 4 5 6Pagina successiva
Tags

Gabriele Bianchi

Lettore, giocatore, conoscitore di cose. Storico di formazione, insegnante di professione, divulgatore per indole. Cercatelo in fiera: è quello con la cravatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker