1519311299-movieland-kitt-superjet

Movieland: cinema, divertimento e acqua

3 min


Esplosioni, sovietici, ostaggi. 

Ancora esplosioni, ancora sovietici e ancora ostaggi. 
Ho la vostra attenzione? 
Il John Rambo Show ha sicuramente avuto la mia. Il nome è già una garanzia, anche se il titolo non rende giustizia alla varietà dell'esperienza. A Movieland in realtà tutti gli spettacoli sono una garanzia e certo lo è chiusura di giornata col botto, un botto vero e proprio eh, nel parco non si lesina sulle esplosioni. 
Si intuisce chi sia il protagonista, e a dire il vero l'abilità non è solo del grandioso Rambo, di cui tengo a sottolineare l'epica zarria in ogni gesto e movenza, ma dell'intera crew di stuntman che a fine giornata si radunano in una arena fatta di acqua, imponenti scenografie, spalti per il pubblico, ma soprattutto sottolineo e ripeto la parola acqua
Sì, perché non unicamente nello spettacolo finale, ma in tutta Movieland non si lesina nemmeno sulla nostra amica H2O e certo parte del divertimento è dato proprio da questo. 
Se a fine giornata i vostri pantaloni saranno completamente asciutti, vuol dire che vi siete persi molte attrazioni. O che avete un ottimo impermeabile. 
A questo proposito, Magma 2.1, Kitt Superjet e U-571 Submarine simulator sono le tre attrazioni più bagnate del parco: nella prima si è a bordo di un camion aperto ai lati dove si affrontano terremoti di varia intensità, esplosioni (sì, ancora, non ne abbiamo mai abbastanza!) e chiaramente cascate d'acqua. 
Kitt Superjet coi suoi 600 cavalli di potenza, sfreccia in un bacino idrico e tra l'altro c'è un segnale dello stuntman alla guida che indica con un gesto quando sta per effettuare una qualche evoluzione particolare. Alla terza sferzata d'acqua in faccia, ho capito che significava. 
U-571 è un simulatore unico dove si prova non solo fisicamente ma anche un po' psicologicamente cosa significa rimanere bloccati in un sottomarino che imbarca acqua. 
Tra l'altro queste attrazioni, insieme ad Android sono uniche al mondo, anche se in realtà tutti gli show, le scenografie, gli effetti eccetera in giro per il parco, sono creati appositamente da un team tecnico e creativo interno, per garantire ancora di più l'unicità dell'esperienza. 
Sì ma i sovietici? 
So che ve lo state chiedendo. 
Attori che marciano sulla banchina e tra il pubblico, con un forte accento russo alla ricerca di ostaggi, creano una cornice comica che integra uno show già divertente e coinvolgente. Attenti a non ridere troppo, però, altrimenti sarete voi il bersaglio certo. Un plauso speciale va comunque a tutti gli attori del John Rambo Show, che soprattutto nella giornata dello scorso 15 aprile, piuttosto fresca e già piovosa di suo, hanno eseguito una performance perfetta con evoluzioni acrobatiche in moto e per lo più concludendola impavidamente in acqua. 
Di Movieland ve ne avevamo già parlato un annetto fa con un incredibile reportage corredato di video ed esperienze funamboliche di Giada e Jacopo, accompagnati dai nostri viaggiatori OnTheRoad preferiti, Andrea Plazzi e Giovanni Eccher. 
Questa volta è stato diverso però perché anzitutto la cornice della giornata era unica: abbiamo partecipato al primo Nerd Pride, il primo raduno delle community nerd d'Italia
E' stato un divertente esperimento che speriamo di poter ripetere e che fa parte di una Nerd Season intera di incontri organizzati dagli amici di Think Comics, che prevede uno speciale appuntamento nel Movieland Park ogni fine settimana fino a fine maggio. 
L'altra grande differenza con la scorsa esperienza sta nelle attrazioni. Movieland non è semplicemente un bel parco a tema fissato nel tempo e nello spazio, ma continua a evolversi e migliorare per garantire agli utenti un'esperienza grandiosa e mai ripetitiva. 
La nuova attrazione ancora in soft opening ma presto attiva al 100% si chiama Pangea, e oltre a essere l'unica nel mondo a permettere un'esperienza simile, è veramente una figata, per usare un termine tecnico. 
Non capita spesso infatti di poter guidare una jeep libera, senza binari ma solo su un percorso sterrato e assai accidentato, avvolti da una fitta vegetazione e in compagnia di dinosauri più o meno amichevoli. 
Potrei spendere ancora un sacco di parole sugli altri Show (per esempio il commovente tributo a Back to the Future o il coinvolgente spettacolo Overdrive dove il pubblico è protagonista) ma non voglio spoilerare tutto tutto.

Non vi avvertirò quindi di quanto si possa urlare e spaventarsi nella Horror House. (E nemmeno Fantasmik, il suo corrispettivo per bambini scherza! Ma forse sono io…) 
Quindi ragazzi, andate a Movieland, divertitevi, urlate di terrore, ma soprattutto ricordatevi che a volte nemmeno degli orrendi ed enormi impermeabili vi salveranno dalle ondate.
(Grazie a Paolo per la foto)

Like it? Share with your friends!

One Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

alessandrazanetti

        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link