Sweet-home-cosa-guardare-netflix-orgoglio-nerd

Netflix Dicembre 2020: cosa guardare?
Ecco i nostri consigli per questo mese sui migliori contenuti della piattaforma di streaming.

5 min


Netflix Cosa Guardare? è la guida di Orgoglio Nerd dedicata alla nota piattaforma di streaming, che ogni mese vi propone i contenuti più interessanti a disposizione degli abbonati. Una lista di titoli sempre aggiornata, con film, serie TV e anime a cura della nostra Veronica Lorenzini. Un modo facile e veloce per scoprire puntualmente ogni mese cosa guardare su Netflix e quali sono i prodotti più interessanti che non potete proprio perdervi. Scopriamo insieme quali sono quelli di dicembre 2020!

Netflix cosa guardare a Dicembre 2020?

E anche dicembre è arrivato. Questo mese, e quest’anno, sono stati i più strani e particolari della vita di ognuno di noi. Spero che abbiate passato delle vacanze piacevoli, che abbiate mangiato davvero tanto e vi siate rilassati un po’. Oggi amici, ci prepariamo a dare un calcio nel didietro a questo 2020 e accogliamo questo 2021.

Il Capodanno di ognuno di noi sarà diverso, questa sera.

Fortunatamente abbiamo il nostro fidato amico Netflix che, come sempre, ci da’ una mano e rende le nostre serate più eccitanti ed emozionanti. Questo mese la piattaforma ha offerto prodotti interessanti e non vedevo l’ora di condividerli con voi, amici.

Quindi, cosa guardare su Netflix? Prendete un bel bicchiere di prosecco o rum – io preferisco quest’ultimo, il prosecco non mi è mai piaciuto molto – e diamo inizio alla nostra serata.

Alice in Borderland, dal Giappone con furore

La rubrica questo mese prenderà una piega molto orientale, diciamo. Questo dicembre la piattaforma si è data alla pazza gioia e ha pubblicato vari contenuti asiatici molto interessanti, sono quasi impazzita dalla gioia e dalla felicità. Ovviamente, se potessi, vi farei un elenco lunghissimo con minimo 10 nuove serie TV e altro ma non posso, altrimenti dai piani alti non mi offrono più i biscotti.

Quindi ho dovuto scegliere saggiamente cosa consigliarvi questo mese e sono arrivata alla conclusione che faremo una bella doppietta di serie TV. Sono entrambe molto belle ed interessanti, non potevo scegliere. La prima è Alice in Borderland, una serie TV di genere fantascientifico e thriller ispirata all’omonimo manga realizzato da Haro Aso.

Il protagonista di questa serie è il ventiquattrenne Arisu, un giovane ossessionato dai videogiochi che non va d’accordo con la sua famiglia. Suo padre in particolare non perde mai occasione di paragonarlo al fratello e ribadire quanto i suoi videogiochi siano inutili.

Un giorno, mentre Arisu e i suoi migliori amici Chōta e Karube stanno fuggendo dalla polizia a causa di una piccola marachella, si nascondono in un bagno pubblico. Una volta usciti, si trovano improvvisamente in una Tokyo vuota, senza abitanti.

Presto scopriranno di dover prendere parte a numerosi game pericolosi e violenti per sopravvivere. Nel corso della loro avventura, Arisu e i suoi amici incontrano anche Usagi, una giovane ragazza che partecipa da sola nei game. Riusciranno i ragazzi a sopravvivere e scoprire chi è il Game Master?

Innanzitutto sappiate che questa serie, a differenza di quelle coreane, è doppiata in italiano quindi potete tirare un sospiro di sollievo. Tuttavia io consiglio sempre la visione in lingua originale.

In ogni caso, parliamo della serie: l’ho adorata alla follia. Sono rimasta letteralmente incollata allo schermo, insieme a mio padre. Pazzesca, piena di colpi di scena e caratterizzata da una trama che va oltre il semplice interessante. Un episodio tira l’altro e ci si ritrova alla fine senza nemmeno essersene resi conto.

Inoltre, come potete notare dai nomi dei personaggi e dal titolo della serie, ci sono alcuni riferimenti ad Alice nel Paese delle Meraviglie e questa cosa mi ha riempita di gioia poiché si tratta del mio libro preferito in assoluto.

Uno degli elementi che ho apprezzato maggiormente è il modo in cui il regista ci permette di conoscere i personaggi principali attraverso vari flashback e pensieri. Da sottolineare anche il modo in cui sono stati organizzati i vari game. Per niente prevedibili, complicati e astuti.

Alice in Borderland è una serie che offre una bella storia, qualità alta e personaggi molto particolari. E adesso sono curiosa: quanti enigmi siete riusciti a risolvere prima di ottenere le risposte dalla serie stessa?

Sweet Home, il kdrama horror che ha conquistato il pubblico

Horror e kdrama, la ricetta perfetta per rendere Veronica una bambina felice. Come al solito, stavo controllando le future uscite sulla piattaforma nella sezione “in arrivo” e ho visto un brevissimo teaser di questa serie TV. Non mostrava nulla, solo un ragazzo con un arma e un’ambientazione da brividi.

Non c’era nemmeno una trama concreta, si leggeva solo la parola “mostri“. Sapete cosa ho fatto, vero? Click su “promemoria” e via, si attende.

Sweet Home ha attirato anche l’attenzione di mio padre – se mi seguite da un po’ conoscete i nostri gusti. Per questo motivo, abbiamo atteso insieme. Prima di procedere, però, di cosa parla Sweet Home?

Dopo la morte della sua famiglia in un incidente stradale, il solitario Cha Hyun-soo si trasferisce in un nuovo appartamento. La sua vita, apparentemente tranquilla, viene presto minacciata da strani eventi che iniziano a verificarsi all’interno della palazzina.

Mentre le persone si trasformano in mostri che prendono la forma dei loro desideri nascosti, Hyun-soo e altri residenti cercano di sopravvivere.

Non si sa molto riguardo a questo “virus” che spinge agli esseri umani a trasformarsi, è tutto molto ignoto ma così accattivante che, sinceramente, chi se ne frega del luogo di origine del virus. La serie ci offre qualche indizio che, sicuramente, verrà spiegato al meglio nel corso di una nuova stagione. Non è ancora stata confermata ma io so che ci sarà, me lo sento nelle gelatine.

Questa serie, amici miei, è davvero fantastica. Gli effetti speciali e la cura nei dettagli dei mostri è qualcosa di sorprendente, sono rimasta anche qui a bocca aperta dall’emozione. Sweet Home è il regalo perfetto per tutti gli amanti dello splatter e dell’horror, che vogliono vedere un po’ di sana violenza.

Vi avverto, ovviamente il primo episodio è un po’ lento perché devono introdurre alcuni elementi ma non vi preoccupate, ci sarà da divertirsi anche qui. Un punto a favore va anche alla colonna sonora, variegata e davvero molto bella. Ogni singolo personaggio ha una storia, un passato che ci viene spiegato e un futuro che, in parte, vorrebbero vedere realizzato.

Ovviamente però devono concentrarsi sul presente e quindi sopravvivere. Ho adorato tutti i personaggi, in particolare un paio che si sono nascosti nel mio cuoricino e non se ne andranno mai più.

La trama è intrigante e i mostri, ragazzi, sono perfetti. In particolare il mostro “Non ci vedo“. Quello è superbo: versi, movimenti, dettagli, tutto. Insomma, non potete assolutamente perdere questo gioiello. Al diavolo i sottotitoli, mettetevi comodi e lasciatevi trasportare da questa meravigliosa serie.

Netflix Cosa Guardare: The Call, il film coreano che vi lascerà col dubbio

Vi avverto, questo è un film strano. Per strano intendo che ha una trama piuttosto complessa, con intrecci e personaggi che non sempre sono chiari. In realtà sono ancora convinta di non essere riuscita a comprenderlo a pieno e infatti ho intenzione di rivederlo ma credetemi, mi è piaciuto così tanto che non mi importa di non essere riuscita a capire alla perfezione il finale.

Iniziamo subito a spiegare di cosa tratta questo film.

The Call, conosciuto anche come Call, è una pellicola thriller sudcoreana diretta da Lee Chung-hyun. Ci troviamo nel 2019, la protagonista è Kim Seo-yeon, una giovane 28enne che perde il cellulare mentre è in viaggio per visitare la madre malata.

In seguito, una volta arrivata nella sua fatiscente casa d’infanzia, trova un telefono cordless piuttosto vecchio e attraverso di esso riceve chiamate da una donna in difficoltà che dice di essere in pericolo e che sua madre la tortura. Dopo aver indagato sulla casa, Seo-yeon scopre che la donna al telefono, Oh Young-sook, vive nella stessa casa ma nel 1999.

Le due sono in grado di comunicare nel tempo attraverso il telefono e scambiarsi informazioni sulle loro vite. Tra le due inizia un rapporto d’amicizia che, però, prenderà una brutta piega.

Allora amici, mettendo da parte il finale che all’inizio può sembrare piuttosto incomprensibile, il resto della pellicola è davvero fantastico. Ti prende fin dai primi minuti e non ti permette di fuggire, è necessario rimanere seduto sul divano o sulla poltrona e vederlo fino alla fine.

Pensate che non ho fatto nemmeno pausa pappa o bagno per quanto mi stava piacendo – e sapete che per me pausa pappa è sacra, fondamentale.

Ciò che ho apprezzato è la tensione costante che ci accompagna per tutta la durata del film e che aumenta sempre di più, man mano che ci si avvicina al nucleo della storia. Adoro questo genere di film, a volte mi sono sentita persino in ansia per la protagonista.

Si tratta di una pellicola imprevedibile, intrigante, che non ci da’ mai un momento di tregua. Quando siamo convinti che, finalmente, la protagonista possa tirare un sospiro di sollievo, ecco qua che succede qualcos’altro. Colpi di scena, uno dopo l’altro: alcuni inaspettati, altri prevedibili, altri ancora dolorosi.

So che i sottotitoli sono fastidiosi per alcuni di voi ma, come sempre, vi chiedo di fare questo sforzo. Il cinema asiatico è pieno di perle preziose e sarebbe un peccato privarsene solo per dei sottotitoli, non credete?

Conclusioni

Anche oggi siamo arrivati al termine della nostra rubrica, amici. Personalmente dicembre è stato il mese più bello, per quanto riguarda prodotti disponibili su Netflix. Mi sento davvero molto soddisfatta e non vedo l’ora che arrivi gennaio per continuare a consigliarvi contenuti interessanti e nuovi.

Per ora, la redazione di Orgoglio Nerd vi augura un felice anno nuovo!

Ci raccomandiamo: mangiate, rilassatevi, bevete e state in salute. Noi ci sentiamo il mese prossimo, con la nostra rubrica Cosa Guardare su Netflix.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Veronica Ronnie Lorenzini
Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.