fbpx
FeaturedIntrattenimento

Cosa guardare su Netflix | Novembre 2019

In questo mese buio e tempestoso, Netflix ci porta un briciolo di luce.

Non so bene per quale motivo, ma ho sempre considerato novembre un mese abbastanza monotono, impercettibile quasi: insomma, se c’è o no, nemmeno me ne accorgo. Per evitare di cadere nell’oblio di novembre e renderlo in qualche modo utile, ho spulciato per bene il catalogo Netflix e ovviamente ho delle cosine da suggerirvi.

A causa del tempo che sta mutando, diventando sempre più freddo, vi consiglio la visione di questi prodotti targati Netflix su un divano e con una bella coperta addosso: diventate dei mini-burrito come me e scopriamo cosa ci offre il nostro miglior amico.

The End of the F****ing World, il ritorno

Novembre ha segnato l’arrivo di varie nuove stagioni che, chi più e chi meno, attendevamo: il vincitore di questo mese per le serie tv è la seconda stagione di The End of the F***ing World, serie britannica creata da Jonathan Entwistle e che ha come protagonisti principali Alex Lawther e Jessica Barden.

La serie è ispirata al fumetto The End of the Fucking World di Charles Forsman, pubblicato in Italia da 001 Edizioni. Sarò sincera con voi, come sempre: la prima stagione, al tempo, non fu di mio gradimento. Piacevole da vedere sì, ma l’ho trovata abbastanza pesante e monotona.

Solitamente non lascio mai le cose a metà e guardo sempre le nuove stagioni delle serie tv che seguo, anche quelle che non mi hanno fatto impazzire. Per mia fortuna, la seconda stagione di TEOTFW mi ha piacevolmente sorpresa.

La trama procede in modo veloce (stiamo sempre parlando di otto episodi della durata di venti minuti circa) ma nonostante ciò non vengono lasciate questioni in sospeso e il tutto si sviluppa bene. Non mancheranno, come sempre, momenti intensi e che permettono allo spettatore di immedesimarsi un minimo nei panni dei protagonisti, rendendo questa esperienza visiva ancora più interessante.

Oltre all’aggiunta di nuovi personaggi, ciò che ho particolarmente apprezzato di questa nuova stagione sono i nostri James ed Alyssa e il modo in cui sono riusciti, in modi differenti e contorti, a maturare. Vediamo un James ancora più sensibile, che soffre a causa di vari eventi e che tiene in modo particolare alla ragazza.

Alyssa, invece, è rimasta turbata in modo particolare dall’evento principale che ha caratterizzato la prima stagione e, in seguito a ciò, non riesce più a rapportarsi con il mondo: la ragazza vorrebbe spegnere le emozioni, provare a non sentire più nulla ed evitare di avere quella scena di fronte agli occhi in continuazione.

Inoltre non so bene perché, ma ho apprezzato molto di più il rapporto dei protagonisti in questa nuova stagione. Da un certo punto di vista l’ho trovato più sincero rispetto all’inizio, intenso e adulto.

Sicuramente se avete apprezzato la prima stagione, questo nuovo capitolo sarà la ciliegina sulla torta che tanto bramavate. Se invece questa serie è nuova, vi consiglio un’immersione totale: entrambe le stagioni sono formate da otto episodi di circa 15/20 minuti.

Natale in anticipo con Klaus – I segreti del Natale

Prima che mi lanciate zucche allo zucchero e fantasmini con ragni, permettetemi di farmi scudo con il cuscino. So benissimo che è fin troppo presto per parlare di Natale ma Netflix ci ha regalato, in questo mese oscuro e tetro, il suo primo film originale d’animazione. Prometto che mi ringrazierete (almeno spero).

Klaus – I segreti del Natale è un film d’animazione spagnolo scritto e diretto da Sergio Pablos, prodotto da SPA Studios e targato da Netflix come il primo film d’animazione originale.

La trama ruota intorno a Jesper, un giovane postino, che viene classificato come il peggior studente dell’accademia postale: per questo motivo viene spedito su un’isola ghiacciata al circolo polare artico, in cui gli abitanti non sono in buoni rapporti tra loro e si scambiano davvero poche lettere.

Il protagonista è sul punto di arrendersi quando, finalmente, fa la conoscenza di Klaus, un misterioso falegname che vive in una capanna piena di giocattoli fatti a mano. I due diventeranno amici e doneranno di nuovo vita alla cittadina di Smeerensburg, che verrà addobbata a suon di calze natalizie, regali e molto altro.

E’ un film d’animazione davvero molto piacevole da guardare, specialmente in famiglia, caratterizzato da una trama scorrevole e a cui non manca di certo il “momento lacrimuccia”. I disegni sono la mia parte preferita: sono particolari, ben delineati e i colori più vibranti che mai, degni di un film a tema natalizio.

Potete vederlo ora o salvarlo nella sezione “la mia lista” e riservarvelo per una serata a lume di luci natalizie con la vostra famiglia durante la vigilia o qualche giorno prima, ma fate in modo di vederlo. Un ottimo prodotto Netflix che porta un po’ di luce in questo mese oscuro e tenebroso.

Anime non anime: Final Space ritorna a suon di biscotti

Questo mese Netflix ha deciso di non pubblicare alcun anime (ma per il mese prossimo dovrebbe esserci qualche sorpresa, da quanto ho potuto constatare!), quindi dobbiamo accontentarci di una serie animata (e della sua nuova stagione) che sono sicura sarà di vostro gradimento. Di sicuro vi farete qualche sana risata, che non guasta mai.

Final Space è una serie animata statunitense creata da Olan Rogers e David Sacks. La serie segue le vicende di Gary, un astronauta carcerato in una navicella spaziale da cinque anni e del suo compagno d’avventure Mooncake, mentre si avventurano nello spazio e cercano di capire dove si trovino i confini dell’universo.

Il finale della prima stagione è stato un mini colpo al cuore per tutti (non vi dirò di cosa si tratta perché, chi lo sa, magari volete vedere tutta la serie!) e ci ha lasciati a bocca aperta.

Questa seconda stagione, esattamente come la prima, si presenta interessante e divertente, lasciando spazio anche a momenti più seri. I disegni si presentano ben delineati e unici nel loro genere, particolari e caratterizzati da colori vivaci: inoltre non potrete non adorare i personaggi, specialmente Mooncake e i suoi adorabili versi, che vi fanno venir voglia di strapazzarlo a più non posso.

Si tratta di una serie semplice, che non richiede particolari attenzioni, ma che riuscirà comunque a farvi passare un bel pomeriggio condito da sane risate e in compagnia. Vale la pena di essere aggiunta in lista.

Anche per novembre la nostra rubrica Netflix volge al termine: come sempre speriamo che questi suggerimenti siano stati di vostro gradimento e vi do’ appuntamento per il prossimo mese, l’ultimo dell’anno, pieno di sorprese che molti stanno attendendo!

Tags

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker