No time to Die, perché Danny Boyle ha lasciato il progetto

2 min


I produttori di James Bond, Barbara Broccoli e Michael G. Wilson hanno spiegato perché Danny Boyle è uscito da No time to Die; si sono resi conto che le ‘differenze creative’ con il regista cominciavano ad essere troppe. Fortunatamente qualche settimana dop, Broccoli e Wilson hanno trovato un degno sostituto nel regista Cary Joji Fukunaga, già noto per la regia di opere come True Detective e Beasts of No Nation. Questo cambio di regia ha spostato l’uscita nelle sale del 25° film di James Bond, da Novembre 2019 a Febbraio 2020, per poi essere ulteriormente posticipato ad aprile.

No time to Die, pareri contrastanti, e una scelta di comune accordo

no time to die

Durante un’intervista a Variety i produttori hanno spiegato perché l’uscita di scena di Boyle era diventata inevitabile:

“È stato difficile da entrambe le parti perché abbiamo avuto un reciproco rispetto e ammirazione, ma è sempre meglio conoscersi bene prima di intraprendere un progetto” ha detto Broccoli. “Abbiamo lavorato bene per diversi mesi, ma è arrivato il momento in cui abbiamo iniziato a discutere riguardo al tipo di film che volevamo fare, ed entrambi siamo giunti alla conclusione che non eravamo allineati. I film sono molto difficili da realizzare quando tutti seguiamo la stessa linea. Quando non la si segue, è praticamente impossibile; lo abbiamo riconosciuto e in modo rispettoso ci siamo resi conto che non avrebbe funzionato “.

Unendosi alla storica serie 007, Fukunaga ha dichiarato a Variety: “È la serie di film più longeva e iconica. Puoi viaggiare per il mondo, lavorare con i migliori talenti, i migliori attori fuori dal Regno Unito e vivere un’avventura reale. Chi direbbe di no?”

Nel 2019, Boyle ha ammesso che lasciare il progetto è stata una “grande vergogna”.

“Quello che [il co-sceneggiatore] John [Hodge] e io stavamo facendo, pensavo, era davvero buono”, ha detto Boyle a Empire Magazine. “Non era finito, ma avrebbe potuto essere davvero buono.”

Secondo quanto riferito, il No time to Die di Danny Boyle si sarebbe concentrato sul conflitto tra Occidente e Russia, ma Boyle ha rifiutato di divulgare i piani del suo film per rispetto al suo collega Fukunaga.

“Stavamo lavorando molto, molto bene, ma non volevano percorrere la nostra stessa strada”, ha continuato Boyle “Così abbiamo deciso di separarci, e sarebbe ingiusto dire cosa sarebbe stato, perché non so cosa farà Cary. Ho ricevuto un suo bel messaggio e gli ho fatto i miei migliori auguri … È solo un vero peccato “.


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
1
Amore
Confusione Confusione
2
Confusione
Felicità Felicità
9
Felicità
Paura Paura
6
Paura
Rabbia Rabbia
4
Rabbia
Tristezza Tristezza
2
Tristezza
Wow Wow
2
Wow
WTF WTF
8
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enrico Natalini

author-publish-post-icon
il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.
                   Vuoi rimanere sempre aggiornato?

            Iscriviti alla nostra                    Newsletter!

                                   Tranquillo, ti disturberemo solo
                                     una volta al mese...per ora! 👹
Mi iscrivo!
close-link
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link