Non si placano le polemiche riguardanti le nomination agli Oscar 2020. Tra le sorprese in negativo c’è quella di Adam Sandler che è stato escluso dalla lista dei papabili vincitori come miglior attore protagonista. A spiegare i motivi di questa esclusione, attraverso una recente intervista al New York Post, alcuni membri votanti dell’Academy. Tra questi Terry Moore, attrice 91enne nominata nel 1952 per il premio di miglior attrice non protagonista per Torna Piccola Sheba. Oltre lei, altri due membri anonimi che hanno lanciato stoccate verso l’attore.

Sandler e quella sorta di marchio

Queste la spiegazione: Sandler sta emergendo come un attore davvero eccezionale, ma poi torna a fare quelle commedie Netflix che sono davvero stupide. Ci sono molti film, molte esibizioni all’anno che guardiamo. Sfortunatamente, gli attori diventano marchi”. E aggiunge: “Il marchio di Sandler non richiama l’Oscar come lo fa quello di Leonardo Di Caprio o di Jonathan Pryce”. Un altro membro ha svelato un certo risentimento dell’Academy nei confronti dell’attore dopo alcune dichiarazioni nelle quali l’attore minacciava di fare film brutti di proposito se non avesse ricevuto l’Oscar. Queste le parole dell’altro membro anonimo: “Quella frase è stata un bel po’ arrogante. È stata una mancanza di rispetto. Se farà un altro grande film, sarà nominato”.

Parole forti, dunque, nei confronti di Adam Sandler che però, ricordiamo, anche in passato ha spaccato la critica. Alcuni dei suoi film, come il globalmente stroncato Jack e Jill, sono stati fortemente criticati, portando l’attore al secondo posto per numero di vittorie e candidature ai Razzie Award. Il suo ruolo in film drammatici come Ubriaco d’amore, Spanglish – Quando in famiglia sono in troppi a parlare, Reign Over Me, Funny People, The Meyerowitz Stories e Diamanti grezzi è stato invece acclamato. L’ultimo film, Diamanti Grezzi, parla di un gioielliere ebreo newyorkese col vizio del gioco. Howard Ratner si imbarca in una serie di scommesse molto azzardate che potrebbero mandare all’aria il lavoro di una vita. Mentre cerca di districarsi tra clienti famosi, creditori, colleghi, problemi familiari e un opale nero grezzo proveniente dall’Etiopia dal valore di un milione di dollari.


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
0
Amore
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Paura Paura
0
Paura
Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anna Montesano

author-publish-post-icon
Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"