Scienza e Tecnologia

Puoi lavorare per la NASA misurando l’altezza degli alberi

L'agenzia spaziale americana vuole una mano per calibrare i tuoi satelliti, e puoi aiutarla dal tuo giardino

Ah, la citizen science! Fa sentire sempre bene quando puoi aiutare qualche progetto scientifico comodamente seduto sul divano di casa. La ricerca non è nuova ad attività di questo tipo, infatti potete già prestare un po’ della vostra potenza di calcolo al SETI, aiutare a classificare buchi neri con Radio Galaxy Zoo e, da fine Marzo, potete aiutare con la calibrazione di ICESat-2. Il tutto standovene comodi comodi nel vostro giardino, birra ghiacciata in mano, mentre fate il vostro barbeque di Pasquetta. Come? Basta scaricare l’app GLOBE Observer.

ICESat-2, Globe Observer e gli alberi

ICESat-2 (Ice, Cloud, and land Elevation Satellite 2) fa parte del Earth Observing System della Nasa. Il suo obiettivo? Monitorare lo spessore dei ghiacci, l’altezza degli oceani, studiare la topografia terrestre e la caratteristiche della vegetazione. Grazie ad ATLAS, un laser presente nella sonda, ICESat-2 emette 60.000 impulsi luminosi al secondo. Misurando il tempo che questi impulsi impiegano a viaggiare dalla sonda alla Terra per poi tornare dove sono emessi, insieme all’angolo di arrivo, alla NASA riescono a calcolare l’altezza di ghiacciai, del livello del mare e, perché no, degli alberi.

Ma perché misurare l’altezza degli alberi? Sapere quanto è alto un albero ci aiuta a stimare lo stato delle foreste nel mondo, capendo quanta CO2 possono assorbire. Delle misure di questo genere, però, necessitano di continue ricalibrazioni e per farle servono moli non trascurabili di dati, come fare?

Prendendo il cittadino medio, con l’oggetto che ha più spesso in mano: lo smartphone. L’applicazione GLOBE Observer, infatti, vi permetterà di misurare l’altezza di un albero, tranquillamente nel vostro giardino, per poi inviare tutte le informazioni alla NASA. Farlo è semplicissimo. Vi allontanate tra i 10 e i 30 metri dall’albero, aprite l’applicazione, piazzate lo schermo davanti alla vostra testa e inquadrate prima la base, poi la cima dell’albero. Camminate fino alla base contando i vostri passi ed il gioco è fatto. Tutti possiamo aiutare la ricerca, nel nostro piccolo.

Tags

Matteo Magherini

Matteo Magherini, noto ad alcuni come Asciugamano, è un gatto professionista. Una volta completato l’obiettivo « laurea triennale in fisica » ha deciso di scegliere la classe « fisico delle particelle » e si aggira tra un esame e l’altro intento a livellare. Appassionato di fantascienza, arrampicata e chitarre è campione nazionale di freddure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker