Quibi

Quibi chiude ufficialmente i battenti dopo poco più di sei mesi
Sulla decisione pesa il calo degli abbonati al servizio

2 min


È ufficialmente arrivata la fine per Quibi. L’azienda, guidata dal fondatore Jeffrey Katzenberg e dal CEO Meg Whitman, ha confermato che intende “chiudere le sue operazioni commerciali e avviare un processo per vendere le sue risorse”. La chiusura avviene poco più di sei mesi dopo il lancio di Quibi ad aprile, all’inizio della diffusione della pandemia COVID negli Stati Uniti. Quibi ha stabilito che, a causa del “mutato panorama del settore e delle continue sfide, era chiaro che l’azienda non sarebbe stata in grado di continuare a operare a lungo termine su base autonoma”, secondo il suo annuncio. La fine di Quibi lascerà i suoi circa 200 dipendenti senza lavoro e dozzine di progetti dei partner nel limbo.

Durante la pandemia il calo degli abbonati

A partire dal terzo trimestre, Quibi ha raggiunto 710.000 famiglie di abbonati. Secondo le stime della società di ricerca Kantar, in calo di 300.000 rispetto al trimestre precedente. La società aveva previsto l’atterraggio di 7,4 milioni di abbonati paganti nel suo primo anno, ha riportato il Wall Street Journal. Dopo la chiusura di Quibi, i fondi rimanenti nelle sue casse – dai $ 1,75 miliardi di finanziamenti raccolti da studi di Hollywood, società tecnologiche e altri investitori – “saranno restituiti ai suoi investitori come specificato nell’accordo operativo della società“, ha detto la società in un dichiarazione.

Katzenberg ha fondato Quibi sulla teoria non testata che i millennial armati di smartphone pagherebbero con entusiasmo un servizio di TV mobile premium dove possono vedere video brevi con durata inferiore ai 10 minuti. Ma Quibi non è riuscito ad attirare una base di clienti considerevole. Considerando il panorama di streaming in abbonamento estremamente competitivo da un lato e l’enorme quantità di video gratuiti in app come Snapchat, TikTok, Instagram e YouTube dall’altro.  Quibi è rimasto fedele alla convinzione di Katzenberg in un servizio mobile-first anche dopo alcuni chiari segnali. Ovvero che, specialmente durante le quarantene del coronavirus, che gli spettatori volevano guardare i contenuti sui loro televisori a grande schermo. La società ha finalmente lanciato app native per Apple TV, Amazon Fire TV e Android TV solo due giorni prima che Quibi annunciasse che chiuderà i battenti.

Le dichiarazioni di Jeffrey Katzenberg

Quibi è stata fondata per creare la prossima generazione di narrazione“, ha detto Katzenberg in una dichiarazione. “Abbiamo messo insieme un team di ingegneri e creativi di livello mondiale che ha creato una piattaforma originale alimentata da tecnologia e IP rivoluzionarie”. In modo che: “Consentendo ai consumatori di visualizzare i contenuti premium in un modo completamente nuovo. Il mondo è cambiato radicalmente da quando è avvenuto il lancio di Quibi  e il nostro modello di business autonomo non è più praticabile”. “Sono profondamente grato ai nostri dipendenti, investitori, talenti, partner di studio e inserzionisti per la loro collaborazione nel portare Quibi su milioni di dispositivi mobili”. Ha concluso Katzenberg.

Offerta
Ti presentiamo Fire TV Stick Lite con telecomando vocale Alexa | Lite (senza comandi per la TV), Streaming in HD, modello 2020
  • La versione più conveniente di Fire TV Stick - Goditi uno streaming rapido in Full HD. Include il nuovo...
  • Premi e chiedi ad Alexa - Usa la voce per cercare e guardare contenuti su varie app.
  • Migliaia di canali, Skill Alexa e app disponibili, tra cui Netflix, YouTube, Prime Video, Disney+, DAZN,...
  • Gli iscritti ad Amazon Prime hanno accesso illimitato a migliaia di film ed episodi di serie TV.
  • TV in diretta - Guarda la TV in diretta, un notiziario o un incontro sportivo con un abbonamento a DAZN,...

Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"
        




      
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link