1535376841-rage-2-enemies

Rage 2: quando Mad Max incontra Doom

3 min


Tra le tante software house presenti alla Gamescom non poteva mancare Bethesda, che era presente con l’interessante Rage 2 in forma giocabile. Noi abbiamo avuto modo di provarlo giocando una versione di prova di circa mezz’ora, e vi possiamo anticipare che il nuovo titolo realizzato da id Software e Avalanche Studios (autori di Just Cause e del buon adattamento videoludico di Mad Max) è follia pura.

Il primo Rage, nonostante diverse idee buone, non fu un grande successo, soprattutto per via di quest molto ripetitive e una storyline poco memorabile. L’annuncio del secondo capitolo è stata infatti una sorpresa per noi, dato che l’ultima cosa che potevamo aspettarci era proprio un sequel del primo Rage.

Rage 2 è un nuovo inizio, infatti il gioco è ambientato 30 anni dopo il finale tagliato del primo capitolo e ci mette nei panni di Walker, un ranger sopravvissuto all'impatto del meteorite 99942 Apophis, che vuole riportare l'ordine nelle terre desolate. L’atmosfera del gioco è completamente cambiata rispetto al suo predecessore molto più serioso e ingessato. Il nuovo Rage è un mondo pieno di follia e violenza, ma con toni più esagerati e oseremmo dire “tamarri”, e la mezz’ora di gioco da noi provata ci ha confermato queste sensazioni.
Abbiamo iniziato con un breve tutorial, dove, oltre a imparare i movimenti di base, ci ha anche insegnato come eseguire delle mosse speciali. Il nostro personaggio sarà dotato di capacità sovraumane donate dai Nanotriti, i particolari elementi ancora in parte avvolti nel mistero che permettevano al protagonista del primo titolo di resuscitare. Il potere di questi elementi ci permetterà di fare scatti velocissimi, così da schivare facilmente i proiettili nemici, inoltre ci doneranno anche due particolari abilità: lo Slam, un pugno a terra che creerà una sorta di onda d'urto in grado di mandare a gambe all’aria tutti i nemici nell’area intorno a noi (questo sarà più potente se atterreremo sui malcapitati da una grande altezza); Shatter, un pugno potenziato in grado di generare un'onda d'urto così potente da poter ridurre in brandelli i malcapitati avversari. Non è però finita qui, infatti uccidendo i nemici potremo caricare la barra della Furia, che una volta attivata ci consentirà di muoverci più velocemente, fare più danni, rigenerarci la salute e potenziare le nostre armi. Ad esempio, il fucile a pompa vedrà uscire delle fiamme dai lati e ogni proiettile sarà molto più potente.


Le armi in dotazioni erano piuttosto classiche, limitate a una pistola con colpi infiniti, una mitragliatrice e il già citato fucile a pompa. Avevamo anche le classiche granate a frammentazione e il ritorno dei Wingsticks, già presenti nel Rage originale. Questa specie di boomerang affilato avrà una maggiore capacità di tracciamento del bersaglio, tanto da essere in grado di seguire i nemici anche dietro gli angoli.
La nostra missione nella demo consisteva nell’entrare in una base piena di nemici e far atterrare un satellite per poi distruggerlo. la trama messa così risultava molto vaga, ma in questa fase non era fondamentale, l’importante era infatti fare a pezzi tutto quello che si muoveva.

Sicuramente il metodo più semplice per descrivere il gameplay di Rage 2 è dire “Mad Max incontra Doom”, infatti abbiamo notato come il pittoresco mondo post apocalittico, ispirato al famoso capolavoro di George Miller, si sposa bene con un gameplay frenetico alla Doom, come solo id Software sa fare. I combattimenti saranno veloci e adrenalinici, dovremo eliminare orde di avversari in continuazione, ma fra innumerevoli bocche di fuoco e poteri speciali le forze per farlo non ci mancheranno, anzi sarà divertentissimo provare a uccidere i nemici nel modo più epico possibile.

Non abbiamo affrontato grosse varianti di avversari durante la nostra mezz’ora di gioco, fondamentalmente si trattavi di punk armati fino ai denti che volevano farci la pelle. Non sappiamo a che difficoltà il gioco fosse impostato, ma il titolo non ci va leggero con il giocatore, infatti nonostante tutte le nostre capacità c’era da stare attenti dato che i colpi nemici non ci facevano certo il solletico. Nonostante alcune piccole magagne, risolvibili con un paio di fucilate, siamo arrivati alla fine della demo, che si è interrotta proprio poco prima di affrontare un grosso mutante troppo cresciuto.

Questo primo assaggio di Rage 2 ci ha confermato le sensazioni viste nel trailer: il titolo ha un gameplay divertente e sopra le righe che ben si sposa con l’ambientazione. L’unica cosa che ci resta da verificare è la varietà dell’open world e le diverse quest che lo compongono, soprattutto la parte con i veicoli, anch’essa reinventata e resa molto più profonda, con la possibilità di personalizzare il proprio bolide.
Rage 2 uscirà nel periodo primaverile del 2019, su PS4, Xbox One e PC e noi non vediamo l’ora di tornare a fare disastri in questo mondo post apocalittico.


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
7
Amore
Confusione Confusione
1
Confusione
Felicità Felicità
2
Felicità
Paura Paura
5
Paura
Rabbia Rabbia
1
Rabbia
Tristezza Tristezza
6
Tristezza
Wow Wow
3
Wow
WTF WTF
4
WTF

One Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Silvio Mazzitelli

author-publish-post-icon
Di stirpe vichinga, sono conosciuto soprattutto con il soprannome “Shiruz”, tanto che quasi dimentico il mio vero nome. Videogiocatore incallito sin dall’alba dei tempi, adoro il mondo videoludico perché dopo tanto tempo riesce sempre a sorprendermi come la prima volta. Scrivo ormai da diversi anni di questa mia passione per poterla condividere con tutti. Sono uno dei fondatori di Orgoglio Nerd e sono anche appassionato di tutto ciò che riguarda la cultura giapponese e la mitologia (in particolare quella nordica).
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link