watchmen regina king massacro di tulsa

Regina King commenta quanto Watchmen sia stato profetico
Lo show ha trattato molti temi realmente accaduti nel corso del 2020

1 min


La star di Watchmen Regina King ha parlato del messaggio profetico dello show nel 2020. All’inizio del periodo di quarantena, tra disordini civili e proteste contro il razzismo in America, molti telespettatori hanno notato alcune somiglianze con la serie televisiva di Damon Lindelof. La star dello spettacolo ha lasciato alcune dichiarazioni attraverso Deadline. “Ci sono persone che lo guardano per la prima volta durante la pandemia, dopo George Floyd e Breonna Taylor e sono più consapevoli della storia della brutalità della polizia, della violenza contro i neri americani, e quindi lo stanno guardando attraverso una lente diversa”, ha osservato Regina King riguardo Watchmen. E ha ancora aggiunto: “Il loro wow è: ‘Non posso credere che questo spettacolo sia puntuale … è una specie di studio di antropologia”.

Yahya Abdul-Mateen II commenta a serie

Anche il co-protagonista Yahya Abdul-Mateen II ha lasciato commenti su quanto la serie sembri preveggente. Queste alcune parole a GQ Middle: “Vedere le persone che guardano Watchmen e poi avere conversazioni nuove e più sofisticate sull’importanza di raccontare la storia del massacro di Tulsa – definendolo un massacro e non una rivolta razziale – mi riempie di orgoglio”, ha esordito Abdul-Mateen II. “E con quello che è successo a George Floyd, c’è un effetto domino: ora, non abbiamo la scusa per ignorare quella parte della storia o dire che non siamo stati istruiti”.

“Alcune persone girano il canale dicendo che non stanno guardando il nostro fottuto programma”, ha condiviso Yahya Abdul-Mateen II. “Potrei non avere accesso ai dati demografici che scelgono di vedere qualcosa come la nostra versione di Watchmen e smetterla di seguirmi su Instagram perché non condividono le mie convinzioni”. Ma: “Vedranno il mio messaggio, vedranno il mio lavoro e la rifiuteranno attivamente come propaganda di sinistra. Questa è l’America, quindi non hanno motivo di ascoltarmi”. Quindi: “Ma posso parlare con i miei amici bianchi e con un pubblico più ampio che sono illuminati e ispirati per poi intrattenere conversazioni scomode con parenti e colleghi -lavoratori. Quindi, sono fortunato a far parte di questo progresso”. Ricordiamo che Watchmen ha ricevuto moltissime nomination agli Emmy Awards 2020.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"
        




      
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link