Oggi nelle sale torna Clint Eastwood, con il suo nuovo film Richard Jewell. Al centro, una delle storie più disucsse degli anni ’90 americani, sullo sfondo delle Olimpiadi di Atlanta del 1996, che può dirci ancora tantissimo sulla nostra società attuale. Se non la conoscete, vi sconsigliamo di proseguire con la lettura questa recensione e andare a vedere Richard Jewell subito. Perché questo film merita davvero tanto e pensiamo che possiate godervelo ancora di più partendo completamente digiuni. Per tutti gli altri, andiamo a scoprire il perché ci è piaciuto così tanto.

Di che cosa parla il film Richard Jewell?

richard jewell recensione clint eastwood film wiki
Photo Credit: Claire Folger © 2019 WARNER BROS. ENTERTAINMENT INC.

Richard Jewell è un impiegato in uno studio legale, che sogna di entrare nelle forze dell’ordine perché crede nella difesa della popolazione. Tuttavia il suo entusiasmo sfocia spesso nell’esaltazione e così non riesce a mantenere il proprio lavoro come agente e si trova nel 1996 a fare da guardia di sicurezza per gli eventi musicali al Centennial Olympic Park di Atlanta. Ed è proprio una di queste sere che la sua vita cambia per sempre.

Richard infatti individua una bomba presente al concerto prima che esploda, permettendo di mettere al sicuro molti dei presenti. La guardia di sicurezza diventa quindi un eroe nazionale, celebrato da tutti, ma l’idillio durerà poco. L’FBI infatti inizia a indagare su di lui, temendo che possa aver posizionato la bomba in cerca di fama, e la notizia trapela sui giornali. Da lì prenderà il via un processo mediatico che travolgerà la vita di Jewell.

Nonostante siano passati più di vent’anni dai fatti, la storia di quest’uomo è ancora tremendamente attuale, forse più che mai. Ci sono moltissimi livelli da analizzare dietro gli eventi, ma forse il più evidente e il più importante è l’impatto dei media sulla giustizia. Il ruolo dell’informazione è fondamentale, certo, ma va usato in maniera consapevole e attenta, tutto il contrario di quanto vediamo nel film. La corsa allo scoop senza alcuno scrupolo non è scevra di conseguenze e il fatto che a pagarle siano spesso gli altri non le rende meno gravi. Un messaggio che in quest’era di trasformazione per l’informazione è davvero importante.

Di tutt’altra rilevanza, ma altrettanto interessante da analizzare è il ruolo della comicità nella pellicola. Ci saranno diversi momenti davvero divertenti di Richard Jewell, in completo contrasto con il resto del tono del film. Tuttavia, è proprio il loro essere fuori luogo che evita che stonino con l’atmosfera. Non si tratta solo di un alleggerire la tensione, ma anzi di alzarla, rendendo il personaggio principale e quelli che lo circondano più veri, più umani.

Richard Jewell, un film assolutamente limpido

richard jewell recensione clint eastwood film wiki
Photo Credit: Photo Courtesy Warner Bros. Pictures © 2019 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved.

Tanto è torbida la vicenda che ha coinvolto il protagonista, tanto è limpido e pulito il modo di raccontarla. Lungo la pellicola assistiamo a una narrazione senza una virgola fuori posto, che si sviluppa in maniera armoniosa e coinvolgente, in un continuo crescendo che vi terrà incollati alla sedia.

Probabilmente uno de momenti meglio realizzati è l’intera sequenza dell’attentato, tra i punti più alti della nuova opera di Eastwood. Facendo propria la ben nota lezione di Hitchcock sulla suspense, il film ci presenta passo passo tutti gli elementi per comprendere quello che si sta sviluppando davanti ai nostri occhi. La tensione si sviluppa minuto dopo minuto, fino alla release finale.

In un certo modo però non si conclude tutto qui. L’evolversi della vicenda di Richard Jewell nel film presenta sempre una sottile tensione, che ci impedisce di staccare gli occhi dallo schermo. Questo protagonista non convenzionale, così strano e non sempre amabile, ci confonde. Sappiamo che è innocente, l’abbiamo visto, ma lo è davvero? E se fosse un narratore inaffidabile? Se ci fosse qualche aspetto che ancora non conosciamo? E se davvero fosse innocente, ma l’FBI riuscisse comunque a incriminarlo?

La forza del gioco di squadra

richard jewell recensione clint eastwood film wiki
Photo Credit: Claire Folger © 2019 WARNER BROS. ENTERTAINMENT INC.

A rendere Richard Jewell un film così eccezionale è probabilmente anche la forza della squadra che vi ha preso parte, quasi un richiamo a quella degli Stati Uniti che dominò quelle Olimpiadi del 1996. Un cast solidissimo che regala delle interpretazioni di altissimo livello.

Olivia Wilde e Jon Hamm pongono le basi, con due performance di qualità, ma che sono addirittura superate da quelle del resto degli attori. Sam Rockwell si conferma una certezza, dando al suo Watson Bryant una profondità affascinante. Al suo fianco Kathy Bates che, giustamente nominata dall’Academy tra le Migliori attrici non protagoniste, crea una Bobi Jewell toccante, soprattutto nel suo monologo conclusivo davanti alla stampa.

E poi c’è Paul Walter Hauser che incarna alla perfezione tutte le sfumature di quel personaggio così particolare che è Richard Jewell. L’attore rende giustizia a quest’uomo, portandone sullo schermo tutte le contraddizioni, il sopracitato lato più buffo, ma anche la sofferenza e l’ingenuità. Riuscire a farci affezionare a un protagonista che per una discreta parte del film passiamo a guardare con un certo sospetto era difficilissimo, ma Hauser riesce benissimo nell’impresa.

E tutto questo non sarebbe stato sufficiente, senza un comandante che guidasse la nave alla perfezione. Clint Eastwood dirige ancora una volta in maniera impeccabile, confermando la sua capacità di rendere incredibile virtualmente ogni storia che tocca. La sua filmografia si arricchisce di un altro pezzo di qualità, confermando nuovamente la sua solidità come autore.

Richard Jewell è un film che non potete perdervi

richard jewell recensione clint eastwood film wiki
Photo Credit: Claire Folger © 2019 WARNER BROS. ENTERTAINMENT INC.

Richard Jewell è un film che probabilmente non otterrà il riconoscimento che merita, offuscato da un 2019 che ha regalato davvero tante soddisfazioni agli appassionati di cinema. Ciononostante, si tratta di un titolo imperdibile, che saprà convincervi, con una narrazione lucida e coinvolgente. Un thriller che tocca alcuni nervi scoperti, raccontandoci il passato per spiegarci la realtà, come solo le grandi opere sanno fare.


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
1
Amore
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Paura Paura
0
Paura
Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mattia Chiappani

author-publish-post-icon
Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.