fbpx
Intrattenimento

Slender Man: perso tra le pagine

Fuori tempo massimo, con questa frase si potrebbe riassumere il film di Slender Man. Una piccola pellicola che si rifà a una "moda" sociale che ha impazzato oltre quattro anni fa e che ora è già stata masticata e espulsa da internet.
Tenuto conto che il film è un concentrato di richiami a un videogame che ora non gioca più nessuno ci viene da chiederci: perchè?
Gli horror sono l'unico genere cinematografico che vai a vedere al cinema anche se sai che il film sarà pessimo e questo è un gran superpotere, ma basterà a salvare Slender Man?
Un'altra grossa domanda che anche Sony, casa distributrice, si sarà posta.
Alcuni di voi potranno dire che la pellicola si rifà a un racconto e che tale racconto poi ha dato vita al videogame, ma poco importa a chi vuole riempire le sale con un personaggio che è stato svuotato del suo carisma e che è già stato riproposto innumerevoli volte.
Sarebbe come fare oggi un film sui "meme", in stile Emoji, e forse una pellicola del genere è già in lavorazione in qualche parte di Hollywood. 
Terrificante, vero?
Esistono così tante varianti di "Slender Man", perfino applicato ai Pokemon, che la decisione di arrivare nelle sale, ora, con una pellicola intenta a cavalcare un'onda già sgonfiata ci fa supporre che si tratti di un progetto che ha avuto enormi rallentamenti, ma che oramai era così in stadio avanzato che "andava finito".
Guardarlo non ha fatto che confermare i nostri dubbi.
Ci sentiamo di consigliare la pellicola, tuttavia dovete tenere presente che è esattamente come la immaginate: un gruppo di adolescenti che appena inquadrati già desidererete morti.
Il film è legato a doppio filo con la cultura di internet (la prima cosa che vedrete sarà un gattino su youtube) e ovviamente i telefonini anzi, gli smartphone, passerete più tempo a leggere chat che ad ascoltare attivamente i personaggi principali. Nessuno degli spaventi che proverete sarà dovuto alla trama, ma da un continuo utilizzo dei colpi d'orchestra, i rumori improvvisi la faranno da padrone proprio come nel videogame.
Inoltre vi sfidiamo a contare quante volte sentirà il cane abbaiare, un cane mai inquadrato che secondo noi è il vero cattivo della pellicola. 
Slender Man è un film non intenzionalmente divertente da guardare con gli amici (uscirà il 6 settembre) non assolutamente un horror degno di nota se non, forse, per il comparto sonoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker