Estrarre CO2 direttamente dall’aria.

2 min


Sono quasi 200 i paesi al mondo che stanno cercando accordi per ridurre drasticamente le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera, ma un recente rapporto delle Nazioni Unite avverte che ciò potrebbe non bastare per evitare imminenti catastrofi climatiche. Presto, dice il rapporto, potrebbe essere necessario estrarre CO2 direttamente dall’aria che respiriamo.

Il problema sta nel fatto che ad oggi, non esistono tecnologie in grado di attuare concretamente questo processo in modo economicamente vantaggioso. Da circa un decennio quindi la Carbon Engineering, società della Columbia Britannica, sta mettendo a punto un impianto per catturare CO2 dall’aria ed ora ha un prototipo pronto.

L’impianto parte da un “contattore d’aria”, una struttura grande quanto un tir con un enorme ventilatore sopra, che spinge l’aria in una griglia dove scorre una soluzione di idrossido di potassio capace di catturare l’anidride carbonica. Queste sostanze vengono in seguito trattate chimicamente per ottenere una specie di pellet composto al 50% da CO2.

Dall’aria al carburante.

Questo pellet potrebbe essere nuovamente concentrato per poi essere smaltito ma questo non porterebbe alcun profitto economico e di conseguenza una grande difficoltà a trovare finanziamenti. Per poter quindi finanziare il progetto la compagnia ha sintetizzato un nuovo combustibile dalla CO2 raccolta, che potrebbe essere raffinato per sostituire benzina, diesel o carburante per aerei. L’utilizzo di questi carburanti reimmetterebbe l’anidride carbonica nell’atmosfera, ma essendo più puri eviterebbero di immettervi altri residui come zolfo ed azoto. In ogni caso un riciclo di CO2 nell’atmosfera sarebbe un passo avanti rispetto al continuo aumento della stessa.

Difficoltà per i finanziamenti.

Il problema economico rimane comunque: la quantità di CO2 nell’aria, per quanto pericolosa, è solo dello 0,04% per cui da un singolo contattore, che può processare una tonnellata di aria al giorno, si possono produrre solo due barili di combustibile e il carburante ricavato costerebbe circa il 20% in più rispetto alla comune benzina.

Grazie a vari investitori, tra cui anche Bill Gates, la Carbon Engineering ha già speso 30 milioni di dollari per perfezionare il progetto, ed intende costruire un impianto su larga scala, alimentato energia pulita, che potrebbe estrarre anidride carbonica con meno di 100$ per ogni tonnellata d’aria.

Rendering dell’impianto su larga scala.

La riduzione delle emissioni rimane tutt’ora il modo più pratico ed efficiente per evitare che i cambiamenti climatici in atto si aggravino sempre di più, ma molti sperano che nuove tecnologie come questa possano concorrere a fermare le catastrofi dovute al riscaldamento ambientale.


Like it? Share with your friends!

Condividi la tua reazione

Amore Amore
4
Amore
Confusione Confusione
4
Confusione
Felicità Felicità
4
Felicità
Paura Paura
8
Paura
Rabbia Rabbia
7
Rabbia
Tristezza Tristezza
4
Tristezza
Wow Wow
1
Wow
WTF WTF
10
WTF

One Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. estrarre co2 dall’ aria:

    sospetto che ci arriveranno per primi, come al solito, i tedeschi.
    inventeranno qualche diavolerio per estrarre quantità colossali di co2 dall’ aria, ci stanno certamente già pensando.
    chi dice che i tedeschi sono senza fantasia non li conosce…
    un sincero augurio ai giovani – per mia fortuna del futuro mio non mi devo preoccupare, però mi preoccupo per loro….ma saprete di certo cavarvela, senza dover migrare tutti su Marte…basta impegnarsi

    Silvio Bonetti

Michael Schiaretti

author-publish-post-icon
Pirata professionista, educatore per vocazione, mi diletto nel cosplay ma frequento solo fiere in cui possa trovare birre artigianali.
                   Vuoi rimanere sempre aggiornato?

            Iscriviti alla nostra                    Newsletter!

                                   Tranquillo, ti disturberemo solo
                                     una volta al mese...per ora! 👹
Mi iscrivo!
close-link
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link