Senza categoria

Gauntlet Reborn: evocato dal passato

Scommettiamo che vi ricordate quei simpatici, semplici e efficaci giochi 8-bit che tutto il mondo rimpiange. Scommettiamo anche che non c'è giorno che la nostalgia bruci dentro di voi come una di quelle sfere pixellate lanciate da Super Mario.
Siamo pronti a scommettere che le due frasi precedenti siano state totalmente inutili per voi, voi che cercate dei videogames che possano darvi le stesse emozioni di quando, quella volta, vi siete seduti di fronte al televisore con il joypad in mano, oppure di quella volta al bar della piscina, eravate in costume e non sapevate proprio dove mettere i gettoni per il cabinato.
Dal mondo di Golden Axe, Cadillac & Dinosaurs e Ghouls'n Ghosts è tornato un titolo che conosciamo tutti quanti incredibilmente bene: Gauntlet.
Il Guerriero, l'elfo, Il Mago e la valchiria da semplici macchie di colore abbastanza seghettate si sono trasformati in personaggi molto più caratterizzati, battutine, nuove mosse per ciascuno e stile, tanto stile.
Dal 1987 se ne è fatta di strada e lo studio Arrowhead ha cercato di restituire a questa nuova edizione lo stesso carisma innato della precedente, anche questa volta i 4 personaggi si ritroveranno di fronte a una storia scarna ma ad un'infinita serie di dungeon e nemici e, credeteci, il sangue scorrerà.
La modalità cooperativa in rete è incredibilmente divertente, vi ritroverete con i vostri compagni urlanti a uccidere tutto quello che si muove (e non) nel dungeon, Diablo2 e Torchlight faranno capolino nelle vostre menti e, sommata l'emozione provocata da Golden Axe, vi scenderà qualche lacrima.
Le operazioni Nostalgia come queste raramente funzionano ma questa volta il bersaglio è stato colpito, il divertimento è alto e l'impegno mentale è poco (questo non è sempre un bene, ma questa volta è proprio quello che si cercava).
Tanta, tanta semplicità e un tocco di carisma, a volte basta questo per divertirsi. Dal canto nostro aspetteremo una versione con gli effetti sonori originali degli ottanta, il “turuturuturù” della morte del tuo personaggio è ancora un must nella nostra memoria mentale.

Il quartetto fantasy non potrà nemmeno essere potenziato se non da piccoli oggetti comprati qua e là, ma scordatevi abilità a albero o statistiche da RPG, questo è un difetto?
Secondo noi no, non in questo caso, giochi con queste caratteristiche ce ne sono già, Gauntlet mantiene fede al passato e regala un'esperienza di gioco retro-attivamente appagante e soddisfacente.
La casa di sviluppo in fondo ci ha donato l'ottimo Magicka, il suo lavoro lo sa fare insomma.

Gauntlet ha fatto il suo debutto pochi giorni fa, è disponibile su steam esclusivamente per pc, se siete dei nostalgici che hanno bisogno di un videogame “mi collego, uccido e esco” crediamo proprio che questo sia il titolo che fa per voi.
State lavorando e vi servono 13 minuti esatti di pausa per sbollirvi? Meglio 13 minuti di zombie uccisi e tesori recuperati.
Se perfino Diablo 3 è troppo complicato per voi non dovete fare altro che iniziare la vostra avventura con Gauntlet.

redazioneon

La Redazione di Orgoglio Nerd, sempre pronta a raccontarvi le ultime novità dal mondo della cultura Nerd, tra cinema, fumetti, serie TV, attualità e molto altro ancora!

2 Commenti

  1. Gauntlet: giocone a suo tempo, giocone oggi.
    Era da “Ducktales Remaster”, che non vedevo un remake, al tempo stesso fedele all’originale e moderno.
    Consigliatissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker