Senza categoria

Top 7 – I sette vizi capitali in manga e anime

Lo sguardo di superiorità della superbia, l’insoddisfazione dell’avarizia, la sensualità della lussuria, la grossa perdita della gola, i muscoli tirati dell’ira e il torpore indolente dell’accidia. 
Sette sono i vizi, o i peccati. Sette in grado di distruggere l’anima dell’uomo, calpestando ogni virtù, e che se alimentati conficcano le loro radici in profondità sporcando anche l’essere più puro. Così antichi da non ricordarne la loro prima apparizione nelle tassonomie degli esperti.
Già Aristotele ai tempi ne diede una prima descrizione, definendoli come “abiti del male”. Come un capo di abbigliamento, se ripetuti i vizi, portano a seguire una certa abitudine, una certa direzione verso la corruzione. I cristiani li analizzarono, affibbiandogli il titolo di peccati e così rimasero fino all’Età dei lumi dove i vizi vennero considerati anche sotto l’aspetto didattico dell’essere umano (concorrerebbero anche loro allo sviluppo materiale secondo alcuni). Opere letterarie di ogni secolo li trattano e la settima arte non fa eccezione, con innumerevoli film che al loro interno contengono il tema dei sette peccati.
Manga e anime sono arrivati per ultimi ma, senza perdere tempo, hanno iniziato a dare il loro contributo e la loro personale prospettiva. C’è chi si è attenuto alla loro classica rappresentazione, chi li ha manipolati per sottometterli alla storia e chi ne ha cambiato totalmente i connotati, spogliandoli dell’abito nero. 
Eccovi una raccolta delle diverse visioni di questi sette ragazzoni.
{Code: Breaker}
Nel manga in questione, il protagonista, Rei Oogami, ha la fonte del suo potere nelle fiamme blu che sprigiona dal suo braccio sinistro. Più avanti nell’opera si scoprirà che le fiamme fanno parte di un potere più grande, in grado di risvegliare le sette fiamme demoniache, ognuna delle quali incenerisce uno dei sette vizi capitali.
{Servamp}
La storia del manga inizia quando il protagonista Mahiru Shirota, liceale del primo anno, incrocia la strada con Kuro, all’apparenza un semplice gatto randagio. In realtà dietro un mansueto felino si nasconde un "servamp": un servo vampiro. Mahiru si ritroverà così coinvolto in un antico conflitto tra esseri umani e vampiri. Ognuno dei sette servi vampiri rappresenta un peccato capitale.
{11Eyes}
Nell’anime 11eyes: tsumi to batsu to aganai no shōjo, Satsuki Kakeru ha perso sua sorella, suicida, e da allora conduce una vita apatica. Trasportato nel bizzarro mondo di "Red Night" insieme al suo amico Minase Yuka e sei compagni di classe, gli otto ragazzi dovranno sconfiggere i sei cavalieri neri per tornare nel mondo reale. Ognuno di questi cavalieri incarna un vizio capitale e l’ultimo, la Lussuria, si rivelerà l’antagonista finale.
{Judge}
Nel thriller-manga di Yokishi Tonogai, nove ragazzi, con la testa coperta da una maschera a forma di animale, si ritrovano bloccati all’interno di un tribunale in disuso. Ognuno di essi ha commesso uno dei sette peccati capitali e per aver salva la vita saranno costretti a giudicare una persona del gruppo, che sarà così eliminata.
{Tutor Hitman Reborn}
Nel manga troviamo i Varia, una squadra d’assassini d’elite alle dipendenze della Famiglia Vongola. È composta da sette spietati membri in grado di portare a termine missioni impossibili per gli altri essere umani, grazie alle loro abilità fuori dal comune, quasi demoniache. Sono guidati da Xanxus, figlio adottivo del Nono Boss Vongola, e ognuno di loro rappresenta uno dei sette vizi capitali.
{Fullmetal Alchemist}
E' forse il manga che riporta alla mente meglio i sette mali con i suoi fantastici antagonisti. Gli Homunculus sono essere dalle abilità eccezionali, creati dal Padre, che hanno un aspetto umanoide, grazie al quale riescono a confondersi tra le persone comuni. Grazie alle pietre filosofali che hanno nel corpo sono immortali fino a quando le pietre non esauriscono il loro potere. Ognuno di loro prende il nome da uno dei sette vizi capitali e presenta il simbolo dell'Uroboro tatuato sul corpo.
{The Seven Deadly Sins – Nanatsu no taizai}
In questa opera medievale dal titolo molto chiaro, piena di combattimenti entusiasmanti, i Seven Deadly Sins sono un ordine cavalleresco formato da sette persone, considerati i più forti della regione della Britannia, ognuno dei quali rappresenta uno dei sette vizi capitali, per via di una loro colpa commessa in passato.

Mattia Russo

Laureato in Comunicazione, Marketing e Pubblicità per farla breve. Curioso per natura, dalla vena impicciona, tendo a leggere qualsiasi cosa, con un'inclinazione al fantasy. Non sono uno che ama i silenzi e parlo troppo. Pace.

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker