Killer Tomatoes

Iniziate le riprese del reboot di Attack of the Killer Tomatoes

1 min


Due giorni fa sono iniziate le riprese per il reboot del film Attack of the Killer Tomatoes, film trash/cult del 1978 firmato da John DeBello. La notizia di un remake era già stata trapelata al San Diego Comic-Con dell’anno scorso dall’azienda Atomic Toybox e, tempo un anno esatto, le notizie si sono tramutate in realtà.

Killer Tomatoes, un trash/cult più ampio di quanto uno possa credere

A diffondere la notizia è stato il regista Dustin Ferguson (Amityville: Evil Never Dies), che, attraverso Facebook, ha dichiarato:

‘Oggi ho diretto la prima scena del reboot di Attack of the Killer Tomatoes!!! ci è voluto un po’ a farlo arrivare, ma non potrei essere più onorato’

Come si può evincere dal trailer del film del ’78, Attack of the Killer Tomatoes è un film nato sicuramente con l’intento di essere quel che è: una Wacky comedy, ossia una parodia mista tra horror e film comico demenziale basata sui film horror degli anni ’40 e ’50.

Non stiamo qui a raccontarvi la trama in quanto, per capirla, basterebbe leggere il titolo. Ma questo film è stato praticamente il pioniere delle Wacky comedy, di cui gli anni ’80 strabordavano, creando così un genere che volente o nolente ha segnato la cultura cinematografica di molte persone (anche in minima parte, ma lo ha fatto), soprattutto di quelle che possiedono un’anima trash/underground.

Il film, nonostante le pessime critiche, si poteva capire che sarebbe diventato un vero e proprio cult già solo dal titolo, tanto da riuscire a creare un suo piccolo universo composto da una saga di quattro film (senza contare quest’ultimo reboot), una serie televisiva animata per ragazzi, due videogiochi, un adattamento a fumetti e una serie di adattamenti non ufficiali da tutte le parti del mondo.

Oltretutto il film del ’78 divenne famoso anche per una particolare avventura: Il pilota di un elicottero di scena, urtando il suolo con la coda del veivolo, ne  perse il controllo, causandone accidentalmente lo schianto e l’esplosione. Il pilota rimase miracolosamente illeso, e la scena, sia perché unica, sia per il basso budget che non permetteva di poterla rigirare, divenne parte integrante del film.

Per la promozione di questo ultimo reboot è stato creato un sito internet in cui, chiunque avesse voluto iscriversi, avrebbe potuto vincere una selezione al ruolo di comparsa per il nuovo film, o la possibilità di poter fare altrettanto presentandosi allo stand dell’Atomic Toybox al Comic-Con di quest’anno.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enrico Natalini

il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.
        






      





 
















 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link