Più che un reboot o un remake, il prossimo film sulle Charlie’s Angels, sembra essere una continuazione. La regista Elizabeth Banks nel prossimo progetto ha intenzione di incorporare gli eventi della serie TV degli anni ’70 e dei film degli anni 2000.
Banks immagina che, negli oltre 40 anni da quando il primo trio di Angeli è stato creato, Charles Townsend (ossia Charlie) deve aver trasformato la sua azienda. “Se eri ricco nel 1976,allora oggi lo sarai ancora di più,” ha detto la regista, che ha co-sceneggiato il film. “Charles Townsend è più ricco che mai, quindi la sua impresa è cresciuta fino a diventare un’agenzia di spionaggio mondiale.”

Gli Angeli

La squadra è composta dall’abile e festaiola Sabina Wilson (Kristen Stewart), Jane Kano (Ella Balinska), i muscoli del gruppo e Elena Houghlin (Naomi Scott), la scienziata del MIT.
La rivista Entertainment si è accaparrate le prime immagini in esclusiva del film.
Le chiamate di Charlie le portano in giro per il mondo, con tappe a Istanbul, Amburgo e Berlino, ma tra un viaggio e l’altro, Banks ha voluto accentuare il lavoro di squadra del trio. “Per me era importante fare un film sulle donne che lavorano insieme e si sostengono a vicenda, e non fare un film sui loro problemi romantici. Quando sono al lavoro, non parlo di queste cose, vado avanti con quello che devo fare. Era importante che fosse lo stesso per gli Angeli, trattandole con rispetto per le loro competenze e abilità.”
Sarà riuscita nell’intento? Lo sapremo il 24 ottobre, quando il film sarà distribuito nelle sale.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Amore Amore
0
Amore
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Paura Paura
0
Paura
Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Francesca Giulia La Rosa

author-publish-post-icon
Trekker, whovian, whedonian. Non amo le etichette (a parte queste tre). Traduttrice, editor a caccia di errori come fossero punti neri nel tessuto della realtà. A volte, trovo essere me un’esperienza profondamente imbarazzante.