Gli eSports ormai sono una realtà mondiale, capaci di coinvolgere milioni di giocatori e svariati videogiochi, senza trascurare ovviamente la questione monetaria. Il settore eSports infatti è capace di fatturare milioni su milioni. E’ naturale che sempre più titoli si uniscano alla schiera con campionati e tornei organizzati ad hoc. La saga nata dal genio di Tom Clancy non poteva essere esclusa dal territorio nazionale. Nascono infatti i Rainbow Six Siege PG Nationals 2019, un nuovo appassionante capitolo per i tantissimi eSport lover italiani.

Rainbow Six Siege, i primi dettagli del campionato

PG Esports, la prima società totalmente italiana dedicata al gaming competitivo, e Ubisoft, annunciano il Campionato Ufficiale italiano di Tom Clancy’s Rainbow Six Siege per il 2019. Quest’anno sarà infatti la società del Campus Fandango Club a occuparsi della competizione, che prende così il nome di Rainbow Six Siege PG Nationals 2019.

Rainbow Six Siege

PG Esports, forte della sua esperienza nel campo degli sport competitivi digitali, applica quindi l’ormai noto formato dei PG Nationals al famosissimo titolo Ubisoft, sancendo così un nuovo inizio per tutta l’attivissima community e i fan che seguono assiduamente le competizioni legate a Tom Clancy’s Rainbow Six Siege.

[box type=”info” align=”aligncenter” class=”” width=””]LEGGI ANCHE: Campus Party Sparks: dove l’esport raggiunge il prossimo livello[/box]

Il torneo prenderà il via nell’estate 2019, ma le qualificazioni inizieranno già a partire dal prossimo 24 aprile. Maggiori informazioni e dettagli arriveranno in seguito tramite i canali social ufficiali di Rainbow Six e PG Esports. Pad alla mano, la competizione sta per iniziare!


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Amore Amore
0
Amore
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Paura Paura
0
Paura
Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Marco Bazzoni

author-publish-post-icon
Un vero e proprio buco nero di passioni nerd: videogiochi, fumetti, giochi di carte, di ruolo e da tavolo, serie TV, film, libri, modellismo, questi sono solo alcuni dei suoi spuntini quotidiani. La scienza si interroga ancora su un importante quesito, mai risolto: "ma dove trova il tempo per fare tutto?".