Mary Shelley: Monster Hunter

1 min


L’editore indipendente AfterShock ha annunciato una nuova serie dedicata a Mary Shelley, autrice di Frankenstein, fondamentale romanzo gotico della storia della letteratura.
Adam Glass e Olivia Cuartero-Briggs sono gli sceneggiatori del progetto e hanno provato a esplorare l’idea che il romanzo della Shelley fosse nato da una storia vera. “Come può una donna di vent’anni scrivere l’opera horror più famosa di tutti i tempi? Facile, lo ha effettivamente vissuto”, racconta Glass, “Olivia e io abbiamo fatto una ricerca approfondita sulla madre dell’horror moderno; era molto più avanti del suo tempo, una vera pioniera femminista. 
Un giorno Olivia ed io stavamo parlando del nostro amore per Mary Shelley – ho sempre voluto fare una storia su di lei, ma non ho mai saputo come – e finalmente mi è sembrato di avere ottenuto un approccio diverso, così ho contattato i miei alleati e soci, Aftershock Comics, che hanno capito al volo il progetto.”

Adam Glass ha lavorato per anni in televisione (Supernatural, Cold Case, Criminal Minds) e con i fumetti (Deadpool, Suicide Squad, Teen Titans). Olivia Cuartero-Briggs è al suo primo fumetto e ha lavorato per diverso tempo come assistente sceneggiatrice di Glass.
La Cuartero-Briggs si è dichiarata particolarmente entusiasta di questo suo progetto d’esordio: “Quando ero piccola, Archie, e poi gli spinoff di Betty e Veronica, erano davvero gli unici fumetti per ragazze. Tutto il resto riguardava supereroi maschili, al massimo qualche spalla femminile poco vestita. Le cose sono cambiate molto nel mondo dei fumetti, grazie al cielo, e sono entusiasta di contribuire con contenuti che riflettono personaggi femminili autentici”.

Il fumetto uscirà il 17 aprile 2019.


Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Francesca Giulia La Rosa
Trekker, whovian. Non amo le etichette (a parte queste?). Traduttrice, editor a caccia di errori come punti neri nel tessuto della realtà. Essere me è un’esperienza profondamente imbarazzante.